Sabato 21 Settembre 2019 | 17:16

NEWS DALLA SEZIONE

Nel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
UN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
Nel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
In un allevamento
Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

 
Giro da oltre 2mln di euro
Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

 
Tragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
Televisione
Eurogames, anche Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

Eurogames, Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

 
Presi dai Cc
Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
LecceNel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
Foggiacontrolli
Fogglia, blitz dei cc al mercato di via Rosati: un ambulante multato, l'altro fugge

Fogglia, blitz dei cc al mercato di via Rosati: un ambulante multato, l'altro fugge

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

Iniziativa a lecce di asl e ordine dei medici

Inquinamento e neoplasie
anche i pediatri in allarme

L’esperto: «Ecco come ridurre l’esposizione in gravidanza»

incontro a lecce

di MONICA CARBOTTA

Medici salentini preoccupati delle correlazioni scientifiche tra inquinamento e modificazioni epigenetiche che originano malattie. Sono almeno trecento i medici leccesi che tra ieri ed oggi hanno partecipato ai corsi di formazione organizzati dalla asl, dall’ordine dei medici e dalla federazione italiana medici pediatri, su Epigenetica: nuova frontiera per la clinica e per la prevenzione. Le lezioni sono state tenute presso il polo didattico della asl e presso l’ordine dei medici, da Ernesto Burgio, coordinatore scientifico dell’associazione internazionale medici per l’ambiente e dalla professoressa Daniela Lucangeli, ordinaria di psicologia dello sviluppo presso l’università di Padova.

Modificazioni epigenetiche, cioè quei meccanismi che fanno funzionare il dna, sono collegate a cause ambientali e provocano conseguenze patologiche nell’organismo. «Il cancro non è un incidente genetico” ha ribadito Burgio, “l’aumento delle neoplasie al di sotto dell’anno di età, così come l’aumento del 2.000% di casi di autismo è stato troppo veloce. Solo dal 2000 al 2010 i casi sono raddoppiati», le modificazioni che coinvolgono mutazioni genetiche sono molto più lente. Le modificazioni epigenetiche, cioè di espressione genica, senza alterare le sequenze di dna, sono invece velocissime, risentono di inquinanti ambientali e si trasmettono di madre in figlio. Per cui una madre esposta a livelli elevati di particolato Pm2.5, proveniente da motori diesel, o mamme che vivono vicino autostrade, hanno maggiori probabilità di avere un figlio autistico. «I geni hanno bisogno di qualcosa per sapere come lavorare – spiega Burgio - e ciò che avviene nei nove mesi di gestazione può essere più importante di quanto avverrà in tutto il resto della vita».

Quindi, professore, i sistemi biologici non riescono a difendersi dai contaminanti ambientali. Ci sono conseguenze dirette sull’origine di patologie tumorali e neurodegenerative.
“Sì, questo sicuro. Sia i disturbi del neurosviluppo, sia le malattie neurodegerantive, sia i tumori, sia anche le patologie immunomediate e metaboliche sono legate ad effetti di “sprogrammazione” epigenetica nella prima fase della vita, provocate da diversi fattori tra cui, alcuni inquinanti, hanno un ruolo maggiore”.

Concretamente che tipo di prevenzione primaria si può attuare nel Salento, in considerazione delle criticità ambientali che abbiamo?
“Le strategie per ridurre l’esposizione in gravidanza si possono intuire: stiano il meno possibile nelle aree più trafficate, o a distanza di sicurezza da grandi impianti, non mangino cibi pericolosi, dal tonno in scatola al pesce spada. Ma bisognerebbe immaginare la filiera dal ginecologo, al neonatologo, al pediatra che lavorino insieme, sensibilizzino per ridurre l’esposizione, facciano follow up, verifichino quali bambini possono rientrare nelle categorie a rischio”.

Terapie?
“La letteratura per quanto riguarda le terapie è ancora scarsa e discutibile. Non è stato ancora sufficientemente agevolato il passaggio tra i dati di ricerca e la pratica biomedica. Il passaggio tra la ricerca pura e la sua applicazione. Ma è determinante la prevenzione primaria. Le mutazioni epigenetiche sono reversibili, non irreversibili come quelle genetiche”.

Si registra resistenza in ambito scientifico a questi nuovi modelli? A questi paradigmi?
“Max Planck diceva: perché cambino i paradigmi in campo scientifico devono scomparire tutti quelli che hanno fondato i propri poteri su quei paradigmi. Speriamo che adesso vada diversamente e che il confronto politico porti a comprendere che si può fare tantissimo, soprattutto nella prima fase della vita, per evitare che queste malattie dilaghino ulteriormente”.

A livello politico, istituzionale a suo avviso si interviene in modo adeguato?
“Il dipartimento di prevenzione del ministero della salute è stato molto sensibile in questi anni, ha finanziato un progetto proposto due anni fa che sta partendo adesso. C’è una crescente consapevolezza che questo è un problema importante”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie