Sabato 25 Giugno 2022 | 12:58

In Puglia e Basilicata

Accadde oggi

Gli sbarchi in Puglia prima della «Vlora»

Gli sbarchi in Puglia prima della «Vlora»

Giugno ‘91: tra Eltsin e il nodo migranti

13 Giugno 2022

Annabella De Robertis

Èil 13 giugno 1991. Boris Eltsin è eletto presidente della Federazione russa: è questa la storica notizia riportata nelle pagine degli Esteri de La Gazzetta del Mezzogiorno. «Dopo quasi tre settimane di un’estenuante campagna elettorale all’occidentale, con rapidi spostamenti da una città all’altra, centinaia di incontri e migliaia di interviste, interventi televisivi e innumerevoli promesse da parte dei sei candidati, ieri si è votato nella Repubblica russa per le prime presidenziali della sua storia».

Segretario della sezione del Partito comunista sovietico di Mosca dal 1985, Eltsin ha lottato per accelerare il processo di riforma dell’Urss, accentuandone le spinte innovatrici e scontrandosi per questo con il leader Gorbaciov. Nel maggio ‘89 è stato eletto presidente della Repubblica federativa sovietica russa, ma nel luglio si è dimesso dal PCUS e ha chiesto, in seguito, le dimissioni del segretario generale del Partito, Gorbaciov. ​​Questi, nel marzo di trentuno anni fa, indice un referendum nel tentativo di rafforzare la sua posizione sempre più debole e nella speranza che gli elettori dimostrino il loro appoggio per mantenere in vita l’Unione Sovietica.

Eltsin, tuttavia, riesce a inserire un altro quesito sulla scheda elettorale sull’elezione diretta della carica di presidente russo. Nel giro di tre mesi, dunque, si tengono le prime elezioni libere del presidente della Repubblica sovietica russa: sei sono i candidati in corsa. «Boris Eltsin, il grande favorito delle elezioni, dichiarate valide nel tardo pomeriggio di ieri, essendosi presentati alle urne circa il 70 percento degli aventi diritto al voto – appariva già ieri sera come vincitore», si legge sulla Gazzetta.

A Leningrado, dove si è votato anche per restituire alla città il nome originario di San Pietroburgo, si è votato anche per eleggere il nuovo Sindaco: l’eltsiniano Sobchak ha la vittoria quasi assicurata.

Alla fine, Eltsin vincerà con il 57% dei voti: al contrario di Gorbaciov, potrà contare sulla legittimazione popolare.

In Puglia, però, sono altre le notizie che allertano l’opinione pubblica, sebbene collegate alla situazione internazionale venutasi a creare in seguito alla caduta del muro di Berlino e al dissolvimento del blocco sovietico.

«Zattere disperate dall’Albania sfidando la morte» è il titolo della prima pagina del quotidiano: la Puglia affronta una nuova emergenza di arrivi dopo lo sbarco di circa 25mila albanesi nei porti di Brindisi, Monopoli e di altre città della regione avvenuto pochi mesi prima. Seguiremo nelle prossime settimane l’evolversi delle vicende migratorie sulle nostre coste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725