Venerdì 22 Marzo 2019 | 23:23

NEWS DALLA SEZIONE

NEW YORK

Russiagate: Mueller consegna rapporto di indagini

 
ROMA
C.destra: Cav, FI liberale in alleanza

C.destra: Cav, FI liberale in alleanza

 
ROMA

Pensioni: Bernini, furto di Stato a 5,6 milioni di anziani

 
ROMA
Pensioni: Bernini, è furto di Stato

Pensioni: Bernini, è furto di Stato

 
TORINO
Governo: E.Letta, tra breve si voterà

Governo: E.Letta, tra breve si voterà

 
TORINO

Governo: E.Letta, stanno cambiando equilibri, a breve voto

 
FERRANDINA (MATERA)
Terrorismo: Salvini, Francia ci dia mano

Terrorismo: Salvini, Francia ci dia mano

 
FERRANDINA (MATERA)

Terrorismo: Salvini, Francia faccia ciò che è giusto

 
NEW YORK

Tv: attrice Trono Spade, rischiai morte per aneurismi

 
ROMA
Europee, Tajani si ricandida

Europee, Tajani si ricandida

 
ROMA

Europee, Tajani si ricandida, già in strada suoi manifesti

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Consiglio Europa, in Italia aborto troppo difficile

Consiglio Europa, in Italia aborto troppo difficile

Le donne in Italia continuano a incontrare "notevoli difficoltà" nell'accesso ai servizi d'interruzione di gravidanza, nonostante quanto previsto dalla legge 194 sull'aborto. L'Italia viola quindi il loro diritto alla salute. Lo ha affermato il Consiglio d'Europa, pronunciandosi su un ricorso presentato dalla Cgil. L'Italia, inoltre, discrimina medici e personale medico che non hanno optato per l'obiezione di coscienza in materia di aborto. In merito il Consiglio d'Europa ha accolto un ricorso della Cgil e sostiene che questi sanitari sono vittime di "diversi tipi di svantaggi lavorativi diretti e indiretti". Secondo il comitato dei diritti sociali del Consiglio d'Europa "la Cgil ha fornito un ampio numero di prove che dimostrano come il personale medico non obiettore affronti svantaggi diretti e indiretti, in termini di carico di lavoro, distribuzione degli incarichi, opportunità di carriera". Lo stesso comitato ha osservato che il governo "non ha fornito virtualmente nessuna prova che contraddica quanto sostenuto dal sindacato e non ha dimostrato che la discriminazione non sia diffusa". A rendere problematico l'accesso all'aborto, secondo Strasburgo, sono tra l'altro una diminuzione sul territorio nazionale del numero di strutture dove si può abortire e la mancata sostituzione del personale medico che garantisce il servizio quando un'operatore è malato, in vacanza o va in pensione. A individuare i problemi sul tappeto è stato il comitato europeo per i diritti sociali del Consiglio d'Europa nella decisione sul ricorso presentato dalla Cgil contro l'applicazione della legge 194. Il comitato ha rilevato che le strutture sanitarie "non hanno ancora adottato le misure necessarie per rimediare alle carenze nel servizio causate dal personale che invoca il diritto all'obiezione di coscienza, o hanno adottato misure inadeguate". Questa è la seconda volta che il comitato arriva alla conclusione che l'Italia non sta rispettando quanto stabilito dalla legge 194.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400