Venerdì 24 Settembre 2021 | 20:14

NEWS DALLA SEZIONE

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
Tajani, con immunità gregge nessun obbligo vaccino

Tajani, con immunità gregge nessun obbligo vaccino

 
CATANZARO
Guerini, Draghi chiaro, nessuna volontà aumento tasse

Guerini, Draghi chiaro, nessuna volontà aumento tasse

 
ROMA
Alitalia: Meloni, indegno come governo tratta i lavoratori

Alitalia: Meloni, indegno come governo tratta i lavoratori

 
ROMA
Stato-Mafia: Calderoli, chi paga? Nessuno

Stato-Mafia: Calderoli, chi paga? Nessuno

 
ROMA
Conte, stop limiti capienza a cultura e spettacolo

Conte, stop limiti capienza a cultura e spettacolo

 
ROMA
Mattarella, dopo la pandemia ricostruire società solidali

Mattarella, dopo la pandemia ricostruire società solidali

 
LUCIGNANO (AREZZO)
Letta, Patto è buona scelta, sosteniamo proposta Draghi

Letta, Patto è buona scelta, sosteniamo proposta Draghi

 
ROMA
Artisti e promoter, siamo allo stremo, ora capienza al 100%

Artisti e promoter, siamo allo stremo, ora capienza al 100%

 
SASSARI
Puigdemont può lasciare la Sardegna

Puigdemont può lasciare la Sardegna

 
ROMA
Mattarella riceve le sorelle Bucci, sopravvissute a Auschwitz

Mattarella riceve le sorelle Bucci, sopravvissute a Auschwitz

 
ROMA
Hit parade, Blanco ancora in vetta

Hit parade, Blanco ancora in vetta

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

MILANO

Uccise marito e nascose corpo,condannata

Donna venne arrestata a Milano, occultò cadavere in un borsone

Uccise marito e nascose corpo,condannata

MILANO, 14 GEN - E' stata condannata a 18 anni di carcere con rito abbreviato Lucia Fiore, la casalinga di 53 anni arrestata nell'aprile dello scorso anno con l'accusa di aver soffocato il marito, Riccardo Rossi, ex tassista di 57 anni, la sera del 16 settembre 2014 a Trezzano sul Naviglio (Milano) e di aver nascosto il cadavere in un borsone abbandonato in strada. La sentenza è stata emessa stamani dal gup di Milano Maria Vicidomini, a seguito dell'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Alberto Nobili e dal pm Paola Pirotta. La donna era accusata di occultamento di cadavere e omicidio con le aggravanti della premeditazione, delle condizioni di minorata difesa della vittima, che soffriva di una forma di schizofrenia paranoide, e del vincolo coniugale. Il giudice ha riconosciuto all'imputata le attenuanti generiche, mentre una perizia psichiatrica chiesta dalla difesa aveva stabilito la sua piena capacità di intendere e di volere al momento del fatto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie