Martedì 21 Settembre 2021 | 00:46

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Talebani, prima il riconoscimento, poi i diritti umani

Talebani, prima il riconoscimento, poi i diritti umani

 
ROMA
Mattarella, siamo a bivio, sappiamo di dover cambiare passo

Mattarella, siamo a bivio, sappiamo di dover cambiare passo

 
ROMA
Mattarella, con vaccini mai più chiusura scuole

Mattarella, con vaccini mai più chiusura scuole

 
MADRID
Eruzione Canarie: 5.500 sfollati, lava si avvicina al mare

Eruzione Canarie: 5.500 sfollati, lava si avvicina al mare

 
ROMA
Ducournau, viviamo un anno storico per le cineaste

Ducournau, viviamo un anno storico per le cineaste

 
ROMA
Vaccini: 3.191 italiani hanno fatto la terza dose

Vaccini: 3.191 italiani hanno fatto la terza dose

 
ROMA
Ivano Fossati, 70 anni di musica d'autore

Ivano Fossati, 70 anni di musica d'autore

 
FIRENZE
In mille a ballare e niente controlli Green pass, chiuso locale

In mille a ballare e niente controlli Green pass, chiuso locale

 
ROMA
Blinken chiama Di Maio, acceleriamo insieme sui vaccini

Blinken chiama Di Maio, acceleriamo insieme sui vaccini

 
MILANO
Incendio a Milano: da pm consulenza su maxi rogo della Torre

Incendio a Milano: da pm consulenza su maxi rogo della Torre

 
ROMA
Covid: 2.407 positivi e 44 vittime nelle ultime 24 ore

Covid: 2.407 positivi e 44 vittime nelle ultime 24 ore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

ROMA

Cinema: Creed, Rocky Balboa più grande senza guantoni

In sala dal 14/1 Sylvester Stallone fresco di Golden Globe

ROMA, 13 GEN - Va detto che Rocky Balboa (Sylvester Stallone) è ancora più grande senza guantoni e anche quando è vecchio, malato di cancro e con voglia di paternità come appare in 'Creed. Nato per combattere', ultimo atto della saga del pugile, in sala dal 14 gennaio con la Warner. Eppure il film, a firma di Ryan Coogler, che ha appena regalato a Sly un Golden Globe, non rinuncia a nessuno degli affidabili cliché della serie. Ovvero il pugile che vuole farcela, gli allenamenti con le galline da rincorrere, il grande campione in ritiro e soprattutto i tanti pugni da prendere, nella prima parte del match, e poi il riscatto finale. All'ultimo minuto. Tutte cose a cui i fedelissimi del pugile di origine italiana sono da sempre abituati. Questa volta a picchiare duro è Adonis Johnson (Michael B. Jordan), figlio illegittimo e, inizialmente ignaro, del leggendario Apollo Creed, il più grande avversario di Rocky Balboa che gli farà da allenatore e da padre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie