Martedì 21 Settembre 2021 | 01:31

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Talebani, prima il riconoscimento, poi i diritti umani

Talebani, prima il riconoscimento, poi i diritti umani

 
ROMA
Mattarella, siamo a bivio, sappiamo di dover cambiare passo

Mattarella, siamo a bivio, sappiamo di dover cambiare passo

 
ROMA
Mattarella, con vaccini mai più chiusura scuole

Mattarella, con vaccini mai più chiusura scuole

 
MADRID
Eruzione Canarie: 5.500 sfollati, lava si avvicina al mare

Eruzione Canarie: 5.500 sfollati, lava si avvicina al mare

 
ROMA
Ducournau, viviamo un anno storico per le cineaste

Ducournau, viviamo un anno storico per le cineaste

 
ROMA
Vaccini: 3.191 italiani hanno fatto la terza dose

Vaccini: 3.191 italiani hanno fatto la terza dose

 
ROMA
Ivano Fossati, 70 anni di musica d'autore

Ivano Fossati, 70 anni di musica d'autore

 
FIRENZE
In mille a ballare e niente controlli Green pass, chiuso locale

In mille a ballare e niente controlli Green pass, chiuso locale

 
ROMA
Blinken chiama Di Maio, acceleriamo insieme sui vaccini

Blinken chiama Di Maio, acceleriamo insieme sui vaccini

 
MILANO
Incendio a Milano: da pm consulenza su maxi rogo della Torre

Incendio a Milano: da pm consulenza su maxi rogo della Torre

 
ROMA
Covid: 2.407 positivi e 44 vittime nelle ultime 24 ore

Covid: 2.407 positivi e 44 vittime nelle ultime 24 ore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

FERRARA

Morì di legionella, due condannati

Infezione contratta in ospedale S. Anna Ferrara da donna 71enne

Morì di legionella, due condannati

FERRARA, 13 GEN - Morì di legionella, a 71 anni, dopo averla contratta in ospedale: Rosa Priore morì il 7 ottobre 2011 al Sant'Anna di corso Giovecca per le conseguenze di un'infezione da legionella. Per la sua morte, il tribunale di Ferrara a conclusione del processo ha condannato due dirigenti dell'azienda ospedaliera: 8 mesi - con pena sospesa - per omicidio colposo come deciso dal giudice Franco Attinà contro Paola Antonioli e il suo superiore, Ermes Carlini, entrambi della direzione sanitaria dell'azienda ospedaliera. Il verdetto abbassa di oltre la metà la pena richiesta dal pubblico ministero Nicola Proto nella requisitoria del giugno scorso (1 anno e 6 mesi per entrambi). Il processo si è giocato attorno alle competenze del personale che aveva il compito di predisporre e mettere in atto (azione, quest'ultima, a cui secondo la difesa degli imputati dovevano provvedere altri uffici) tutte le misure di prevenzione per garantire la salubrità degli impianti e degli ambienti sanitari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie