Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 19:54

NEWS DALLA SEZIONE

AVELLINO
Emigrato muore dopo festa per i 100 anni

Emigrato muore dopo festa per i 100 anni

 
ROMA
Battisti: Becciu, no a istinti forcaioli

Battisti: Becciu, no a istinti forcaioli

 
ROMA

Battisti: card. Becciu, non risvegliare istinti forcaioli

 
GENOVA
Chiesta archiviazione per tre imam

Chiesta archiviazione per tre imam

 
GENOVA
Violoncello in treno, multa sarà tolta

Violoncello in treno, multa sarà tolta

 
TORINO
Caso Beauregard verso l'archiviazione

Caso Beauregard verso l'archiviazione

 
TORINO
Mandzukic, torno in un paio di settimane

Mandzukic, torno in un paio di settimane

 
BARI
Anziana uccisa, chieste 9 condanne

Anziana uccisa, chieste 9 condanne

 
PERUGIA
Marini, modificare modello ricostruzione

Marini, modificare modello ricostruzione

 
ISTANBUL

Siria: Erdogan, i soldati Usa uccisi a Manbij sono 5

 
GENOVA
Ponte, sopralluogo periti su pila Ovest

Ponte, sopralluogo periti su pila Ovest

 

Parigi: tre covi in Belgio per preparare attacchi

Parigi: tre covi in Belgio per preparare attacchi

Sono tre i 'covi' che gli attentatori di Parigi hanno utilizzato in Belgio per preparare gli attacchi. Lo fa sapere la procura. Uno a Bruxelles, a rue H. Bergé nel quartiere di Schaerbeek, un altro a rue du Fort a Charleroi e una casa a rue Radache ad Auvelais, provincia di Namur. Diversi media riportano oggi che Abaaoud, morto nell'assalto al covo di S.Denis, si era nascosto in una casa a Charleroi poco prima degli attentati. Secondo il procuratore federale, l'appartamento di Schaerbeek è stato affittato sotto falsa identità, a nome di Fernando Castillo, l'1 Settembre 2015 e per un periodo di un anno. Nel covo è stato ritrovato materiale esplosivo, una bilancia di precisione, tracce dell'esplosivo artigianale TATP, cinture, uno schema disegnato a mano che rappresenta una persona con una cintura esplosiva. Inoltre, vi era un'impronta digitale di Salah Abdeslam e tracce di dna di Bilal Hadfi. La falsa identità utilizzata per l'appartamento di Charleroi è quella di Ibrahim Maaroufi. E' stato affittato il 3 settembre 2015, per un anno anch'esso. Durante la perquisizione del 9 dicembre sono state trovate le impronte di Bilal e Abaaoud ma nessuna arma o esplosivo. Infine, la casa di Auvelais è stato affittata per un anno il 5 ottobre 2015 a nome di Soufiane Kayal. Questa stessa falsa identità è stata utilizzata da una delle due persone prese da Salah a Budapest 9 settembre 2015, ha precisato il procuratore federale. Gli affitti sono stati tutti liquidati in contanti ai proprietari. La procura inoltre fa sapere che prima degli attentati, in prossimità delle abitazioni di Charleroi e Auvelais, circolava la Seat Leon usata più avanti per commettere gli attacchi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400