Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 12:05

NEWS DALLA SEZIONE

ANCONA
Maltempo, Marche ancora sotto neve

Maltempo, Marche ancora sotto neve

 
BARI
Allarme bomba,evacuato Tribunale Bitonto

Allarme bomba,evacuato Tribunale Bitonto

 
BARI

Allarme bomba, evacuata sede Tribunale Bari-Bitonto

 
AOSTA
Rini, subito applicazione legge Severino

Rini, subito applicazione legge Severino

 
AOSTA

'Ndrangheta:Rini, si dia subito applicazione legge Severino

 
CAGLIARI
Copie "pirata" quotidiani,terza denuncia

Copie "pirata" quotidiani,terza denuncia

 
TORINO
Osapp, allievi agenti senza uniformi

Osapp, allievi agenti senza uniformi

 
PALERMO
Sequestrati beni per oltre 7,5 mln

Sequestrati beni per oltre 7,5 mln

 
GENOVA

Terrorismo: scritte di insulti verso Rossa a Genova

 
GENOVA
Scritte insulti contro Guido Rossa

Scritte insulti contro Guido Rossa

 
MILANO

Calcio: Higuain vola a Londra, visite con il Chelsea

 

NAPOLI

Ucciso a Forcella: padre, vorrei bacchetta per farlo tornare

'Chiedo rispetto, non so se riesco a superare questo momento'

NAPOLI, 08 GEN - "Ho fatto bene il mio lavoro di padre, non ho la bacchetta magica per farlo tornare indietro". Così Antonio, il papà di Maikol Giuseppe Russo, ucciso il 31 dicembre, per errore, in piazza Calenda a Forcella, quartiere di Napoli. "Ho 50 anni - dice - e con una bancarella in questa realtà ho cresciuto bene i miei figli". "E chiedo rispetto per me, la mia famiglia e mio figlio - afferma - io non so nemmeno se riesco a superare questo momento per il dolore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400