Sabato 19 Gennaio 2019 | 13:56

NEWS DALLA SEZIONE

MATERA

Matera 2019: Conte, è riscossa della città e del Sud

 
MATERA
Matera 2019: Conte, è riscossa del Sud

Matera 2019: Conte, è riscossa del Sud

 
ROMA
Tav: Buffagni, antistorica

Tav: Buffagni, antistorica

 
ROMA

Tav: Buffagni, antistorica, facciamo ripartire opere utili

 
PERUGIA
Mons. Giulietti nuovo vescovo di Lucca

Mons. Giulietti nuovo vescovo di Lucca

 
TERAMO

Di Maio, sondaggi? Non ci credo, credo nelle persone

 
TERAMO
Di Maio, sondaggi? Non ci credo

Di Maio, sondaggi? Non ci credo

 
BARI

Famiglia schiava web in Salento, chiusi in casa per due anni

 
BARI
Famiglia schiava web,anni chiusa in casa

Famiglia schiava web,anni chiusa in casa

 
CITTA' DEL VATICANO

Papa: 'commissaria' il Coro della Cappella Sistina

 
CITTA' DEL VATICANO
Papa 'commissaria' il Coro della Sistina

Papa 'commissaria' il Coro della Sistina

 

Borsa: nuovo crollo Cina, Europee in forte calo

Borsa: nuovo crollo Cina, Europee in forte calo

Le quotazioni del petrolio ai minimi e le mosse della Banca centrale di Pechino fanno scivolare tutte le Borse asiatiche: a Shanghai e Shenzhen per la seconda volta sono scattati i 'circuit breakers' per limitare le perdite, con i due listini che hanno rimandato a domani gli scambi segnando un calo di giornata del 7,3% e di oltre l'8%. Tokyo ha perso il 2,3% finale, Hong Kong in chiusura cede il 2,7%, Sidney ha chiuso in calo del 2,2%. La nuova svalutazione della banca centrale cinese dello yuan (-0,5%) manda al tappeto i mercati azionari del paese che, dopo solo una mezz'ora di contrattazione questa notte, sono stati sospesi quando cedevano oltre il 7% e quindi chiusi per l'intera giornata. Una mossa che ha provocato le critiche di molti analisti e investitori secondo i quali le autorità di Pechino avrebbero perso il controllo della situazione. Una moneta più debole, lo yuan è sceso dello 0,6% a 6,5925 mentre quello quotato a Hong Kong è leggermente risalito, può infatti aiutare le esportazioni ma fa crescere i rischi per le società indebitate in dollari e aumenta i timori che lo stato dell'economia del paese sia peggiore del previsto. Europee in rosso - Resta violenta la corrente di vendite sulle Borse europee con il petrolio che guarda anche alle scorte negli Usa e non riesce a risalire: Francoforte e Amsterdam perdono il 3,4%, Parigi il 2,8%, Londra e Parigi il 2,6%, con Milano che segna un calo dell'indice Ftse Mib del 2,3%. Ancora molto male i settori delle materie prime e dell'energia, seguiti da quello automobilistico (Volkswagen -4,8%). In Piazza Affari Unicredit e Mps cedono il 4%, tengono Poste (-0,5%) ed Enel (-0,9%) Il petrolio affonda -4% a 32,6 dollari - I timori di una situazione economica peggiore del previsto in Cina e la sovrapproduzione mandano al tappeto il prezzo del petrolio già in calo nei giorni scorsi. Il greggio Wti cede il 4% a 32,6 dollari al barile fra forti scambi mentre il Brent cala a 32,75 dollari. Per alcuni analisti la soglia dei 30 dollari non è più così lontana. Crollo mercati spinge euro e yen al rialzo - La nuova svalutazione dello yuan da parte della banca centrale cinese e il successivo crollo dei mercati, spingono al rialzo nuovamente lo yen giapponese e l'euro mentre deprimono le monete di Australia e Nuova Zelanda, forti esportatori di materie prime verso Pechino. La moneta unica sale verso il dollaro dello 0,3% a 1,0816 ma cede verso lo yen dello 0,1% a 127,5. la divisa giapponese guadagna lo 0,3% rispetto al biglietto verde a 117,9.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400