Domenica 20 Gennaio 2019 | 10:40

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA

Migranti: Open Arms, nel Mediterraneo 8 morti al giorno

 
ROMA
Open Arms: Mediterraneo, 8 morti giorno

Open Arms: Mediterraneo, 8 morti giorno

 
ANCONA

Bomba Ancona: operazioni disinnesco in corso

 
ANCONA
Bomba Ancona, al via disinnesco

Bomba Ancona, al via disinnesco

 
ROMA

Gb: principe Filippo di nuovo al volante, non aveva cintura

 
ROMA

Siria: tv, esplosione a sud di Damasco

 
TUNISI

Tunisia: Essebsi candidato a presidenziali per Nidaa Tounes

 
ROMA

Congo: Corte costituzionale, vincitore elezioni è Tshisekedi

 
ROMA

++ Irlanda del Nord: autobomba esplode a Londonderry ++

 
ROMA

Terremoti: scossa magnitudo 6.6 a largo del Cile centrale

 
MILANO

Calcio: Spalletti, stasera all'Inter è mancata la qualità

 

Addio al grande direttore d'orchestra Pierre Boulez

Addio al grande direttore d'orchestra Pierre Boulez

Il celebre direttore d'orchestra, saggista e compositore francese Pierre Boulez è morto all'età di 90 anni. Un portavoce della Philharmonie di Parigi, il nuovo teatro sinfonico di cui fu tra i grandi ispiratori ha diffuso l'annuncio della famiglia. Malato da tempo, Boulez è scomparso a Baden Baden in Germania. Nato a Montbrison, nella sua lunga carriera ha guidato tra l'altro la New York Philarmonic Orchestra. I suoi brani sono stati suonati dalle orchestre di tutto il mondo "Per tutti quelli che l'hanno incrociato e hanno potuto apprezzare la sua energia creativa, la sua esigenza artistica, la sua disponbilità e la sua generosità, la sua presenza resterà viva e intensa", scrivono i familiari in una nota diffusa dalla Philharmonie di Parigi, il nuovo teatro sinfonico di cui fu tra i grandi ispiratori. Boulez, i cui brani sono stati suonati da orchestre di tutto il mondo, è una delle figure più apprezzate della musica contemporanea. Teorico e pedagogo della musica, ha sempre militato per l'inserimento di brani di compositori 'nuovi' nei programmi dei grandi teatri. Negli anni Sessanta e Settanta ha diretto in sequenza l'orchestra di Cleveland, l'orchestra sinfonica della Bbc e la Filarmonica di New York, sempre con il suo stile inconfondibile e senza bacchetta. Dai primi anni Sessanta aveva lasciato la Francia per la Germania, in polemica con un mondo musicale che giudicava troppo conservatore. Era però a più riprese tornato in patria, soprattutto per lavorare alla creazione di istituzioni legate alla divulgazione musicale: l'Istituto di ricerca e di coordinamento acustico-musicale (Ircam), fondato nel 1974 per volere dell'allora presidente Georges Pompidou, la Cité de la musique di Parigi e la citata Philharmonie, inaugurata un anno fa, quando Boulez era già molto malato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400