Sabato 19 Gennaio 2019 | 15:05

NEWS DALLA SEZIONE

CITTA' DEL MESSICO

Messico: esplosione oleodotto, saliti a 66 i morti

 
ROMA

Telefonata Salvini-Baglioni, chiarimento su migranti

 
GENOVA
Samp, Giampaolo "per l'Europa è lunga"

Samp, Giampaolo "per l'Europa è lunga"

 
ROMA

Uxoricida liberato uccide avvocatessa e si suicida

 
ROMA
30 nomi terroristi su scrivania Salvini, 14 in Francia

30 nomi terroristi su scrivania Salvini, 14 in Francia

 
ROMA
Burkina: pm indaga per sequestro persona

Burkina: pm indaga per sequestro persona

 
ROMA

Burkina: pm Roma indaga per sequestro persona

 
NAPOLI
Koulibaly, il parere del giudice

Koulibaly, il parere del giudice

 
MATERA

Conte, responsabilità Governo investire al Sud

 
MATERA
Conte, compito governo investire al Sud

Conte, compito governo investire al Sud

 
GORIZIA
Rievocazione X Mas Gorizia: no scontri

Rievocazione X Mas Gorizia: no scontri

 

Con una nuova vignetta Charlie Hebdo ricorda la strage

Con una nuova vignetta Charlie Hebdo ricorda la strage

"Un anno dopo, l'assassino è ancora in libertà". Mitraglietta sulle spalle, vestiti pieni di sangue, sguardo tra l'aggressivo e lo spaventato, dio (ma un dio generico, di tutte le religioni), dopo avere ucciso giornalisti e vignettisti di Charlie Hebdo ai primi di gennaio, non è stato ancora arrestato. E' questa la copertina disegnata da Riss, su uno sfondo nero, del numero anniversario della strage di Charlie Hebdo in edicola il 6 gennaio, un anno dopo gli attacchi che hanno sconvolto la Francia, l'Europa e il mondo intero. Vescovi Francia contro copertina Charlie, provocazione - "La Conferenza episcopale francese non commenta chi cerca solo di provocare. E' il genere di polemiche di cui la Francia ha bisogno?": lo scrivono i vescovi francesi in un tweet commentando la copertina di Charlie Hebdo un anno dopo gli attacchi che rappresenta un dio con un kalashnikov sulle spalle. Il presidente del Consiglio francese del culto musulmano, Anouar Kbibech, si dice "ferito" dalla copertina del numero speciale di Charlie Hebdo a un anno dall'attacco, che rappresenta Dio con un kalashnikov in spalla e l'abito insanguinato. "Colpisce tutti i credenti delle diverse religioni", ha detto a Le Parisien.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400