Venerdì 24 Settembre 2021 | 12:09

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Regista tv trovato morto in casa a Roma

Regista tv trovato morto in casa a Roma

 
ROMA
Afghanistan: talebani torneranno a esecuzioni e amputazioni

Afghanistan: talebani torneranno a esecuzioni e amputazioni

 
ALGHERO
Puigdemont: un migliaio di catalani attesi in piazza Sassari

Puigdemont: un migliaio di catalani attesi in piazza Sassari

 
SASSARI
Puigdemont: udienza convalida a fine mattinata se non domani

Puigdemont: udienza convalida a fine mattinata se non domani

 
PECHINO
Coree: sorella Kim plaude idea dichiarazione fine guerra

Coree: sorella Kim plaude idea dichiarazione fine guerra

 
NEW YORK
Draghi all'Onu, G20 Afghanistan su aiuti,sicurezza e diritti

Draghi all'Onu, G20 Afghanistan su aiuti,sicurezza e diritti

 
BRESCIA
Ex vigilessa morta: arrestate due figlie

Ex vigilessa morta: arrestate due figlie

 
CATANIA
Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

 
PALERMO
Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

 
PECHINO
Borsa: Hong Kong apre a -0,10%, Evergrande a -3,75%

Borsa: Hong Kong apre a -0,10%, Evergrande a -3,75%

 
ROMA
Arresto Pudgemont: trasferito nel carcere di Sassari

Arresto Pudgemont: trasferito nel carcere di Sassari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

PRATO

Due euro l'ora per 14 ore al giorno, arresti a Prato

Operaio si ribella, denuncia a sportello fa scattare inchiesta

Due euro l'ora per 14 ore al giorno, arresti a Prato

PRATO, 13 SET - Facevano lavorare gli operai fino a 14 ore al giorno per una paga oraria di 2 euro: tre cinesi che impiegavano nove lavoratori - cinque africani e quattro cinesi - sono stati arrestati a Prato per sfruttamento della manodopera. Questa mattina il procuratore Giuseppe Nicolosi ha illustrato i risultati di un'indagine condotta dalla Guardia di finanza e della polizia municipale. Ai domiciliari sono finite due donne di 40 e 50 anni e il marito di una di loro, quarantenne. Tutti e tre sono considerati i titolari di fatto di una confezione di via Toscana, (la stessa strada dove avvenne nel 2013 l'incendio della Teresa Moda in cui morirono tra le fiamme sette operai cinesi che vi alloggiavano pure) amministrata da un prestanome, anche lui cinese, il quale non è stato indagato. L'inchiesta del sostituto procuratore Lorenzo Gestri ha avuto inizio con una denuncia presentata allo sportello anti-sfruttamento del Comune di Prato da un operaio nigeriano, che era stato assunto dai confezionisti cinesi e che si era ribellato al dover lavorare per loro tutto il giorno per pochi spiccioli. La Finanza e la Municipale hanno indagato sulle condizioni in cui lavoravano i suoi compagni di lavoro, che peraltro - è stato fatto rilevare - non hanno collaborato nella fase delle indagini temendo di essere licenziati. Gli africani sono tutti richiedenti asilo ospitati in due Centri di accoglienza straordinaria (Cas) di Prato e Poggio a Caiano. I responsabili dei Cas non si sarebbero accorti che i richiedenti asilo loro ospiti lavoravano per tutta la giornata rimanendo assenti. (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie