Martedì 21 Settembre 2021 | 01:29

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Talebani, prima il riconoscimento, poi i diritti umani

Talebani, prima il riconoscimento, poi i diritti umani

 
ROMA
Mattarella, siamo a bivio, sappiamo di dover cambiare passo

Mattarella, siamo a bivio, sappiamo di dover cambiare passo

 
ROMA
Mattarella, con vaccini mai più chiusura scuole

Mattarella, con vaccini mai più chiusura scuole

 
MADRID
Eruzione Canarie: 5.500 sfollati, lava si avvicina al mare

Eruzione Canarie: 5.500 sfollati, lava si avvicina al mare

 
ROMA
Ducournau, viviamo un anno storico per le cineaste

Ducournau, viviamo un anno storico per le cineaste

 
ROMA
Vaccini: 3.191 italiani hanno fatto la terza dose

Vaccini: 3.191 italiani hanno fatto la terza dose

 
ROMA
Ivano Fossati, 70 anni di musica d'autore

Ivano Fossati, 70 anni di musica d'autore

 
FIRENZE
In mille a ballare e niente controlli Green pass, chiuso locale

In mille a ballare e niente controlli Green pass, chiuso locale

 
ROMA
Blinken chiama Di Maio, acceleriamo insieme sui vaccini

Blinken chiama Di Maio, acceleriamo insieme sui vaccini

 
MILANO
Incendio a Milano: da pm consulenza su maxi rogo della Torre

Incendio a Milano: da pm consulenza su maxi rogo della Torre

 
ROMA
Covid: 2.407 positivi e 44 vittime nelle ultime 24 ore

Covid: 2.407 positivi e 44 vittime nelle ultime 24 ore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

BRUXELLES

Migranti: Corte Conti Ue, rimpatriato solo 1 irregolare su 5

Ogni anno in 500mila ricevono ingiunzione a lasciare Unione

Migranti: Corte Conti Ue, rimpatriato solo 1 irregolare su 5

BRUXELLES, 13 SET - "Dal 2008, ogni anno circa mezzo milione di cittadini non-Ue ha ricevuto un'ingiunzione a lasciare l'Unione perché vi era entrato o soggiornava senza autorizzazione. Tuttavia, meno di uno su cinque è effettivamente ritornato nel proprio paese al di fuori dell'Europa": lo rileva la Corte dei Conti Ue in un rapporto sulle riammissioni. Una delle cause del basso numero di rimpatri di migranti irregolari è la difficoltà a cooperare con i loro Paesi di origine, spiega la Corte. Nel periodo 2015-2020, "l'Ue ha compiuto scarsi progressi nel concludere i negoziati per gli accordi di riammissione, che si sono incagliati prevalentemente in annosi problemi, primo fra tutti la clausola sui cittadini di paesi terzi", ovvero quella norma che consente il rimpatrio di persone in un Paese terzo nel quale erano transitate prima di entrare nell'Ue. I Paesi terzi tendono a opporsi a questa clausola - spiegano gli esperti - in quanto politicamente molto sensibile e non radicata nel diritto internazionale. Nella pratica, la clausola sui cittadini di Paesi terzi è applicata sporadicamente per motivi giuridici, operativi e connessi ai diritti umani. (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie