Domenica 20 Giugno 2021 | 12:44

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Armato di coltello in stazione,polizia spara per fermarlo

Armato di coltello in stazione,polizia spara per fermarlo

 
SIRACUSA
Migranti: presunto scafista fermato per sbarco ad Augusta

Migranti: presunto scafista fermato per sbarco ad Augusta

 
TEL AVIV
Bennett, elezione Raisi è campanello allarme per mondo

Bennett, elezione Raisi è campanello allarme per mondo

 
CATANIA
Etna: Catania coperta di cenere,ma aeroporto torna operativo

Etna: Catania coperta di cenere,ma aeroporto torna operativo

 
ROMA
Domenico Giani è il nuovo presidente delle Misericordie

Domenico Giani è il nuovo presidente delle Misericordie

 
PARIGI
Francia: regionali, urne aperte, al voto in 48 milioni

Francia: regionali, urne aperte, al voto in 48 milioni

 
ROMA
Desireè:resta in carcere imputato condannato

Desireè:resta in carcere imputato condannato

 
BRESCIA
Un morto sul lago di Garda, si cerca un disperso

Un morto sul lago di Garda, si cerca un disperso

 
MONZA
Minaccia rivale in amore che lo ferì 24 anni fa, arrestato

Minaccia rivale in amore che lo ferì 24 anni fa, arrestato

 
WASHINGTON
Iran: Usa, negato processo elettorale libero e giusto

Iran: Usa, negato processo elettorale libero e giusto

 
PECHINO
Vaccini: Cina, somministrate più di un miliardo di dosi

Vaccini: Cina, somministrate più di un miliardo di dosi

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl dibattito
Bari, «l’ospedale in Fiera funziona, non deve essere smantellato»

Bari, «l’ospedale in Fiera funziona, non deve essere smantellato»

 
BrindisiIl personaggio
Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

 
Lecceil giallo
Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

 
FoggiaL'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 
Potenzabollettino regionale
Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

 
BatIl fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 

i più letti

FIRENZE

Bancarotta ditte edili, appello conferma condanna a Verdini

Pena ridotta a 3 anni e 10 mesi. Ex deputato era presidente Ccf

Bancarotta ditte edili, appello conferma condanna a Verdini

FIRENZE, 10 GIU - Confermata in corte di appello a Firenze una condanna per bancarotta all'ex parlamentare Denis Verdini, con riduzione della pena dai 4 anni e 4 mesi del primo grado a 3 anni e 10 mesi. Si tratta di un crac di ditte edili in cui fu coinvolto da presidente del Credito cooperativo fiorentino. La corte ha confermato la sentenza di primo grado anche per gli imprenditori Ignazio Arnone e Marco Arnone, padre e figlio, di Campi Bisenzio, ma pure nel loro caso con riduzione di pena per prescrizione di un reato: Ignazio Arnone ha avuto 3 anni (erano stati 3 anni e 4 mesi in primo grado), Marco 2 anni (da 2 anni e 4 anni). Per tutti gli imputati, Verdini compreso, la diminuzione delle condanne in appello si è verificata per la prescrizione dell'accusa di bancarotta preferenziale. Confermata, invece, l'accusa di bancarotta delle due ditte degli Arnone a causa di operazioni dolose che portarono al fallimento delle stesse aziende. Gli Arnone avevano eseguito lavori di ristrutturazione a una sede dell'ex banca Ccf, in viale Belfiore a Firenze, una filiale prestigiosa che accoglieva la clientela cittadina dell'istituto di Campi Bisenzio. I lavori furono eseguiti e completati e la banca avrebbe saldato gli importi verso la ditta Cdm di Marco Arnone. Tuttavia, secondo le accuse, Verdini e i due imprenditori avrebbero operato con passaggi di somme di denaro, in questo caso per lavori inesistenti, dalla Cdm alla Arnone srl di Ignazio Arnone e da questa ditta all'ex Ccf a titolo di rientro dell'esposizione debitoria dell'azienda verso l'istituto di credito maturata per precedenti impegni. Per l'accusa anche se la banca recuperò un credito l'azione del suo presidente Verdini violò la 'par condicio creditorum' (da cui l'accusa di bancarotta preferenziale prescritta con la sentenza di oggi) e agì con azioni dolose tali da causare non solo il fallimento della Cdm ma anche della Arnone srl proprio per via dei consistenti movimenti di denaro da una ditta all'altra e poi verso la banca. La corte di appello ha mantenuto l'impianto originario del processo. (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie