Domenica 20 Giugno 2021 | 10:58

NEWS DALLA SEZIONE

PARIGI
Francia: regionali, urne aperte, al voto in 48 milioni

Francia: regionali, urne aperte, al voto in 48 milioni

 
ROMA
Desireè:resta in carcere imputato condannato

Desireè:resta in carcere imputato condannato

 
BRESCIA
Un morto sul lago di Garda, si cerca un disperso

Un morto sul lago di Garda, si cerca un disperso

 
MONZA
Minaccia rivale in amore che lo ferì 24 anni fa, arrestato

Minaccia rivale in amore che lo ferì 24 anni fa, arrestato

 
WASHINGTON
Iran: Usa, negato processo elettorale libero e giusto

Iran: Usa, negato processo elettorale libero e giusto

 
PECHINO
Vaccini: Cina, somministrate più di un miliardo di dosi

Vaccini: Cina, somministrate più di un miliardo di dosi

 
YEREVAN
Armenia, aperti i seggi per le elezioni politiche anticipate

Armenia, aperti i seggi per le elezioni politiche anticipate

 
SAN PAOLO
Covid, il Brasile supera il mezzo milione di morti

Covid, il Brasile supera il mezzo milione di morti

 
ANCONA
Ad Ancona minorenne via da famiglia per fidanzamento forzato

Ad Ancona minorenne via da famiglia per fidanzamento forzato

 
ROMA
Sindacalista investito: corteo a Roma, 'siamo tutti Adil'

Sindacalista investito: corteo a Roma, 'siamo tutti Adil'

 
ROMA
Strage Ardea:fumogeni biancocelesti per l'addio a Daniel e David

Strage Ardea:fumogeni biancocelesti per l'addio a Daniel e David

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
BrindisiL'approdo
Brindisi, la nave scuola Palinuro attracca a sorpresa nel porto

Brindisi, la nave scuola Palinuro attracca a sorpresa nel porto

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 
BariIl premio
Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

 
LecceIl fatto
Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

 
Potenzabollettino regionale
Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

 
BatIl fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 

i più letti

PALERMO

Mafia: Contrada, La Barbera ne sapeva meno di mia madre

"Tinebra? Mi chiesi come poteva condurre inchieste su stragi"

Mafia: Contrada, La Barbera ne sapeva meno di mia madre

PALERMO, 09 GIU - "Quando ho letto i nomi dei 25 funzionari del gruppo d'indagine sulle stragi Falcone e Borsellino ho pensato: come si fa ad affidare un'indagine sulla strage di via D'Amelio dove viene ucciso un procuratore aggiunto e 5 agenti della polizia di Stato a persone che non sanno nulla di mafia che non hanno un'esperienza lunga di lavoro della criminalità organizzata? L'ex capo della mobile palermitana che poi fu messo a capo di quel gruppo, Arnaldo La Barbera, sarà stato un ottimo funzionario di polizia ma di mafia ne sapeva meno di mia madre che quando l'andavo a trovare a Napoli mi diceva: qualche giorno mi devi spiegare questa mafia che sta in Sicilia". Lo ha detto l'ex numero 2 del Sisde Bruno Contrada, per anni ai vertici degli uffici investigativi siciliani, sentito dalla commissione regionale Antimafia che indaga sui depistaggi delle indagini sulla strage di Via d'Amelio. "A Firenze o ad Arezzo o a Bergamo si può mandare a fare il capo della squadra mobile uno che non ha mai fatto polizia giudiziaria, che non ha esperienza di anni e anni di lavoro con i criminali mafiosi. Ma non in Sicilia" ha aggiunto. "La mattina del 20 luglio '92 - ha anche detto - mi telefonò Sergio Costa, genero del capo della polizia di allora, Vincenzo Parisi, che mi disse 'Parisi desidera che lei prenda contatti con il procuratore di Caltanissetta Giovanni Tinebra per la strage di Borsellino'. E io in quel momento seppi che il procuratore di Caltanissetta si chiamava cosi. Ma dopo che lo incontrai mi chiesi : come fa Tinebra a condurre un'inchiesta così importante?". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie