Venerdì 24 Settembre 2021 | 12:21

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Regista tv trovato morto in casa a Roma

Regista tv trovato morto in casa a Roma

 
ROMA
Afghanistan: talebani torneranno a esecuzioni e amputazioni

Afghanistan: talebani torneranno a esecuzioni e amputazioni

 
ALGHERO
Puigdemont: un migliaio di catalani attesi in piazza Sassari

Puigdemont: un migliaio di catalani attesi in piazza Sassari

 
SASSARI
Puigdemont: udienza convalida a fine mattinata se non domani

Puigdemont: udienza convalida a fine mattinata se non domani

 
PECHINO
Coree: sorella Kim plaude idea dichiarazione fine guerra

Coree: sorella Kim plaude idea dichiarazione fine guerra

 
NEW YORK
Draghi all'Onu, G20 Afghanistan su aiuti,sicurezza e diritti

Draghi all'Onu, G20 Afghanistan su aiuti,sicurezza e diritti

 
BRESCIA
Ex vigilessa morta: arrestate due figlie

Ex vigilessa morta: arrestate due figlie

 
CATANIA
Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

Droga: catturato in Spagna latitante ricercato da Pm Catania

 
PALERMO
Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

Mafia: maxi operazione nel nisseno, oltre 50 arresti

 
PECHINO
Borsa: Hong Kong apre a -0,10%, Evergrande a -3,75%

Borsa: Hong Kong apre a -0,10%, Evergrande a -3,75%

 
ROMA
Arresto Pudgemont: trasferito nel carcere di Sassari

Arresto Pudgemont: trasferito nel carcere di Sassari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

ANCONA

Mafie: De Raho, impedire anche solo euro in attività lecite

Procuratore, ad Ancona protocollo condivisione dati reati spia

Mafie: De Raho, impedire anche solo euro in attività lecite

ANCONA, 07 MAG - "Non dobbiamo consentire alle mafie di entrare neanche con un euro nelle attività economiche presenti". E' uno dei passaggi più significativi dell'intervento del procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero De Raho ad Ancona per la firma di un protocollo "apripista" tra Dna, Procura generale della Corte d'appello di Ancona guidata da Sergio Sottani, procura distrettuale Marche con al vertice Monica Garulli, e procure circondariali, per rafforzare la condivisione di informazioni d'indagine su reati spia di crimine organizzato e terrorismo con l'immissione di dati nel sistema Sidda/Sidna. De Raho ha preso spunto dall'esempio Marche un "territorio apparentemente sereno ma in cui mafie possono avere interesse a reinvestire ricchezze. In un momento difficile come l'attuale - ha osservato - la condivisione delle conoscenze, un intervento coordinato, sono lo strumento migliore per impedire alle mafie di fagocitare attività economiche in difficoltà". E' "compito di tutti - ha aggiunto - impedire che le mafie, anche tramite l'usura, si impadroniscano di attività" o vi immettano soldi per "gestirle dall'interno, mantenendo l'apparenza della titolarità economica tradizionale". "Le mafie - ha ribadito - sono un cancro della società, uno strumento che determina l'arretramento di una parte di Italia che ha invece bisogno di essere aiutata". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie