Sabato 17 Aprile 2021 | 02:18

NEWS DALLA SEZIONE

TERNI
Ipotesi sottratti dati con intrusione sistemi Usl Umbria 2

Ipotesi sottratti dati con intrusione sistemi Usl Umbria 2

 
L'AVANA
Cuba: Raul Castro auspica dialogo 'rispettoso' con Usa

Cuba: Raul Castro auspica dialogo 'rispettoso' con Usa

 
ROMA
Il Lucca Summer Festival pronto a riaprire con 6mila spettatori

Il Lucca Summer Festival pronto a riaprire con 6mila spettatori

 
ANCONA
Covid, legittima sanzione a dipendenti senza mascherina

Covid, legittima sanzione a dipendenti senza mascherina

 
MADRID
Vaccini: Spagna, il 19% con una dose e il 7% con due

Vaccini: Spagna, il 19% con una dose e il 7% con due

 
TRIESTE
Covid: Trieste si prepara al 26 aprile, tutti in strada

Covid: Trieste si prepara al 26 aprile, tutti in strada

 
LONDRA
Morta Helen McCrory, fu due volte Cherie Blair

Morta Helen McCrory, fu due volte Cherie Blair

 
MACERATA
Laurea magistrale per studentessa disabile Unimc

Laurea magistrale per studentessa disabile Unimc

 
ROMA
Alitalia: Raggi,non va svenduta,non lasciamo soli lavoratori

Alitalia: Raggi,non va svenduta,non lasciamo soli lavoratori

 
ROMA
Covid: 429 morti, ma continua calo rianimazioni e ricoveri

Covid: 429 morti, ma continua calo rianimazioni e ricoveri

 
MOSCA
Mosca espelle 10 diplomatici Usa

Mosca espelle 10 diplomatici Usa

 

Il Biancorosso

Serie C
Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il "re" della serie D

Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il «re» della serie D

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweekl'iniziativa
Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

 
Tarantola protesta
Mittal Taranto, presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

Mittal Taranto, sciopero e presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

 
Leccel'esposto
Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

 
PotenzaL'intervento
Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «No si perda neanche un posto di lavoro»

Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «Non si perda neanche un posto di lavoro»

 
Foggiala denuncia
Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

 
Batla decisione
Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

 
BasilicataEconomia
Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

 
Brindisial Perrino
Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

 

i più letti

MILANO

Denise: Guardia giurata, vivo da 17 anni nel rimorso

A Telelombardia, 'la bimba che vidi a Milano era lei'

Denise: Guardia giurata, vivo da 17 anni nel rimorso

MILANO, 08 APR - "Purtroppo sono 17 anni che io vivo con il rimorso di non aver agito d'impulso, anche se sarei andato nell'errore. Quel giorno non me la sentii. In questi giorni sul web sono stato attaccato da molte persone per questa cosa. Tutti dicono che avrei dovuto prenderla e portarla via, che io essendo una guardia giurata avrei potuto farlo. Si sbagliano di grosso. Non potevo fare niente". Lo ha affermato, in una intervista ad Iceberg in onda questa sera su Telelombardia, Felice Grieco, la guardia giurata che il 18 ottobre 2004 vide "una bambina somigliante a Denise Pipitone in compagnia di un gruppo di rom" e chiamò la polizia. "Quella mattina verso le 12 il direttore della banca mi invitò ad allontanare un ragazzino che disturbava. Appena girato l'angolo mi trovai davanti un'altra bambina che colpì subito la mia attenzione, assomigliava molto a Denise Pipitone", ha detto Grieco. La piccola scomparve il 1° settembre 2004 a Mazara del Vallo (Trapani). "Per me era proprio lei. Chiamai prima mia moglie, subito dopo la polizia - ha spiegato - chiesi di poter intervenire con una scusa, ma mi fu detto di aspettare il loro intervento. Feci anche il famoso video, mi dissi che almeno così avevano una faccia da riconoscere, da controllare. Per trattenere il gruppo di rom chiesi alla bimba se volesse mangiare qualcosa, mi rispose: una pizza. La polizia arrivò molto tardi, quella mattina ci fu un omicidio al Niguarda. Il gruppo con la bambina si allontanò. La bambina parlava perfettamente italiano". "Tempo dopo - ha concluso Grieco - incontrai a Milano Piera Maggio (la madre, ndr), proprio sul luogo della mia segnalazione. Si arrabbiò molto con me. La capisco". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie