Venerdì 23 Aprile 2021 | 01:38

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Tod's, Lvmh acquista 2,25 milioni di azioni e sale al 10%

Tod's, Lvmh acquista 2,25 milioni di azioni e sale al 10%

 
SCIACCA
Covid: consegnate chiavi Sciacca dal sindaco a Fauci

Covid: consegnate chiavi Sciacca dal sindaco a Fauci

 
CAGLIARI
>ANSA-IL-PUNTO/COVID: la Sardegna vuole l'arancione

>ANSA-IL-PUNTO/COVID: la Sardegna vuole l'arancione

 
ROMA
Confindustria: grave errore mancata proroga superbonus 110%

Confindustria: grave errore mancata proroga superbonus 110%

 
ROMA
Confindustria:invece di risorse a Alitalia darle a industria

Confindustria:invece di risorse a Alitalia darle a industria

 
TRIESTE
>ANSA-IL-PUNTO/COVID: Fedriga, possibile revisione decreto

>ANSA-IL-PUNTO/COVID: Fedriga, possibile revisione decreto

 
ROMA
Libia: Di Maio, imminente riapertura consolato a Bengasi

Libia: Di Maio, imminente riapertura consolato a Bengasi

 
ROMA
Covid: 16.232 positivi, 360 vittime

Covid: 16.232 positivi, 360 vittime

 
L'AVANA
Covid: 1.207 casi in 24 ore a Cuba, mai così tanti

Covid: 1.207 casi in 24 ore a Cuba, mai così tanti

 
ROMA
Fedez, raccolti 4 milioni per i lavoratori dello spettacolo

Fedez, raccolti 4 milioni per i lavoratori dello spettacolo

 
ROMA
La Camera approva lo scostamento di bilancio da 40 miliardi

La Camera approva lo scostamento di bilancio da 40 miliardi

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
BariViabilità
Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 
BrindisiCovid
Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

 

i più letti

NAPOLI

Furti di rotaie nei depositi Rfi del Casertano, 5 arresti

Ai domiciliari tre dipendenti Rete Ferroviaria e due della Sirti

Furti di rotaie nei depositi Rfi del Casertano, 5 arresti

NAPOLI, 01 MAR - Avrebbero sottratto almeno 40 tonnellate di materiale ferroviario, del valore di centinaia di migliaia di euro, dai depositi di Rfi situati nel Casertano. E' l'accusa a carico di cinque persone - tra cui tre dipendenti di Rete Ferroviaria Italiana e due di Sirti Spa, importante società che lavora per Rfi - finite agli arresti domiciliari nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere, che ha scoperto l'esistenza di un'associazione criminale, formata appunto da dipendenti di Rfi infedeli, titolari di imprese di raccolta metalli o che lavorano per Rete Ferroviaria Italiana, "specializzati" in furti di rotaie, bobine di rame, scambi, casse induttive, e tutti quegli oggetti presenti nei depositi ferroviari che potessero essere rivenduti. Per altri dieci indagati, quasi tutti piccoli imprenditori, il Gip di Santa Maria Capua Vetere ha emesso la misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le indagini sono state realizzate, tramite intercettazioni telefoniche e ambientali e immagini dei sistemi di videosorveglianza dei depositi, dagli investigatori della Polizia Ferroviaria della Campania, che hanno anche eseguito le misure cautelari. I poliziotti hanno iniziato a capire che c'era qualcosa di più ampio dietro i tanti furti avvenuti in depositi del Casertano: ben dodici quelli accertati nel corso delle indagini, denunciati a Caserta, Santa Maria Capua Vetere, Aversa, Villa Literno, con danni alla società che gestisce la rete ferroviaria per centinaia di migliaia di euro. Determinante anche la collaborazione della Protezione Aziendale di Rfi. Dall'inchiesta è emerso che la "testa" del sodalizio era proprio all'interno di Rfi; quattro gli operai coinvolti, addetti alla manutenzione ferroviaria. Erano loro - è emerso - ad entrare con badge e telecomandi nei depositi; poi, con l'aiuto dei mezzi messi a disposizione dagli imprenditori complici, asportavano il materiale che veniva rivenduto grazie ai titolari di imprese di raccolta metalli. (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie