Giovedì 04 Marzo 2021 | 05:19

NEWS DALLA SEZIONE

TOKYO
Covid: Tokyo, verso estensione stato emergenza due settimane

Covid: Tokyo, verso estensione stato emergenza due settimane

 
TOKYO
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-1,27%)

Borsa: Tokyo, apertura in calo (-1,27%)

 
SAN PAOLO
Covid: record di morti in Brasile, 1.840 in 24 ore

Covid: record di morti in Brasile, 1.840 in 24 ore

 
SANREMO
Covid: Sanremo, bar sfida restrizioni, tra cori verso agenti

Covid: Sanremo, bar sfida restrizioni, tra cori verso agenti

 
WASHINGTON
Covid: allarme quarta ondata in Usa,rischio boom morti

Covid: allarme quarta ondata in Usa,rischio boom morti

 
TRIESTE
Covid: Ordinanza Fedriga, Gorizia e Udine arancioni

Covid: Ordinanza Fedriga, Gorizia e Udine arancioni

 
NUORO
Covid: 5 positivi su 3mila test S.Teodoro, sospetta variante

Covid: 5 positivi su 3mila test S.Teodoro, sospetta variante

 
TORINO
Scuola: studentesse anti Dad, lunedì saremo in piazza

Scuola: studentesse anti Dad, lunedì saremo in piazza

 
ROMA
Attacco al coltello in Svezia: otto feriti, alcuni gravi

Attacco al coltello in Svezia: otto feriti, alcuni gravi

 
MILANO
Unicredit: da cda via libera a lista board, 11 candidati

Unicredit: da cda via libera a lista board, 11 candidati

 
TORINO
Torino: chiusa inchiesta su Teatro Regio, 5 indagati

Torino: chiusa inchiesta su Teatro Regio, 5 indagati

 

Il Biancorosso

La trasferta
Bari batte Juve Stabia 2-0. Carrera: ora più in alto

Bari batte Juve Stabia 2-0. Carrera: ora più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMons. Satriano
Covid, arcivescovo Bari ricoverato al Miulli: «Risponde alle cure»

Covid, arcivescovo Bari ricoverato al Miulli: «Risponde alle cure»

 
BatII fatti un mese fa
Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

 
PotenzaIl caso
Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione

Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione della motrice Fal

 
LecceL'emergenza
Lecce, focolaio Covid in Oncologia al «Fazzu»: 12 contagiati, si teme variante inglese

Lecce, focolaio Covid in Oncologia al «Fazzi»: 12 contagiati, si teme variante inglese

 
BrindisiIl caso dei lavori
Lavori Porto Brindisi: 6 indagati, anche Presidente Autorità

Porto Brindisi, inchiesta bis: 6 indagati. Presidente Autorità: «Pm non condivide sentenza del Consiglio di Stato...»

 
Foggianel foggiano
Manfredonia, minacciano tabaccaia con taglierino e fuggono con l'incasso: presi minorenni

Manfredonia, minacciano tabaccaia con taglierino e fuggono con l'incasso: presi minorenni

 
TarantoLotta al virus
Taranto, vaccini al Palaricciardi: in un giorno 920 dosi

Taranto, vaccini al Palaricciardi: in un giorno 920 dosi

 
MateraLa decisione
Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

 

i più letti

SERVIGLIANO (FERMO)

Giorno Memoria:'salvato in carrozzina da campo internamento'

Uriel Breit racconta la sua storia a studenti Fermo

Giorno Memoria:'salvato in carrozzina da campo internamento'

SERVIGLIANO (FERMO), 27 GEN - "Fui trafugato dal campo di internamento di Servigliano, nel marzo del 1944, grazie alla signora Caraffa, la moglie del farmacista del paese, che entrò nel campo con una carrozzina vuota e uscì con me dentro": è uno dei passaggi più toccanti del racconto fatto oggi da Uriel Breit agli studenti dell'Istituto tecnico "Montani" di Fermo, in occasione del Giorno della Memoria. Collegati in videoconferenza, gli studenti hanno potuto conoscere la storia della famiglia Breit, di origine ebraica, che arrivò in Italia dalla Germania per lavoro e poi venne fatta prigioniera nelle Marche durante il dominio nazista in Italia. Uriel all'epoca era poco più che un neonato, ma la storia di ciò che accadde l'ha potuta conoscere grazie ai racconti dei suoi genitori. "Dalla Germania i miei arrivarono in Italia, a Milano, nel 1938, quando in Germania per gli ebrei già si stava facendo pesante la situazione - ha spiegato -. Da Milano poi si spostarono a Ivrea. Poi scattò il primo internamento, a Santa Vittoria in Matenano (un paese vicino a Servigliano) e qui - ha ricordato Uriel - trovammo ospitalità con la famiglia Silenzi". Ma dopo l'8 settembre del 1943 i coniugi Breit vengono internati a Servigliano: "Arrivarono i carabinieri e presero mia madre, mio padre e me piccolino, mentre si 'dimenticarono' di mio fratello Marco che rimase così con la famiglia Silenzi, dove venne accudito e di fatto quasi adottato da Ernestina, la figlia del falegname". "Noi invece finimmo a Servigliano e quell'internamento era ben diverso da quello vissuto a Santa Vittoria", ha raccontato ancora Uriela alla videoconferenza, organizzata in collaborazione con la Casa della Memoria di Servigliano. Infine, la doppia fuga dal campo di concentramento: "La prima volta che i miei genitori tentarono di scappare, portarono anche me con loro, fu nell'ottobre del '43, ma vennero ripresi dopo pochi giorni", ha raccontato Breit. "La fuga 'buona' avvenne il 3 maggio del 1944, quando gli Alleati - ha ricordato ancora l'allora bambino scampato alla deportazione - bombardarono il campo e i detenuti riuscirono a fuggire per le campagne circostanti e trovammo rifugio presso la famiglia Procaccini di Montelparo". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie