Domenica 29 Novembre 2020 | 15:36

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Danza: Roberto Bolle andrò in pensione ad aprile 2022

Danza: Roberto Bolle andrò in pensione ad aprile 2022

 
MONZA
Uomo ucciso per strada a coltellate a Monza

Uomo ucciso per strada a coltellate a Monza

 
NUORO
Alluvione Sardegna: Solinas, burocrazia frena sicurezza

Alluvione Sardegna: Solinas, burocrazia frena sicurezza

 
OLBIA
Alluvione Sardegna: Gallura risparmiata dal ciclone

Alluvione Sardegna: Gallura risparmiata dal ciclone

 
NUORO
Alluvione Sardegna: sindaco Bitti, 4 volte peggio del 2013

Alluvione Sardegna: sindaco Bitti, 4 volte peggio del 2013

 
FIRENZE
Morto Giorgio Morales, fu due volte sindaco di Firenze

Morto Giorgio Morales, fu due volte sindaco di Firenze

 
NAPOLI
Covid: De Luca a medici, sempre difeso lavoro straordinario

Covid: De Luca a medici, sempre difeso lavoro straordinario

 
ROMA
Tu si que vales, record storico show di Canale5

Tu si que vales, record storico show di Canale5

 
MILANO
Covid, agente Stradale 'adotta' nonni in difficoltà

Covid, agente Stradale 'adotta' nonni in difficoltà

 
MILANO
Covid: sconti e regali Natale, torna shopping a Milano

Covid: sconti e regali Natale, torna shopping a Milano

 
FIRENZE
Covid: Giani, in Toscana 908 nuovi casi su 14.300 tamponi

Covid: Giani, in Toscana 908 nuovi casi su 14.300 tamponi

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, ma Bari non ha paura»

Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, ma Bari non ha paura»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'appello di una 30enne
Covid, Giulia dall'ospedale di Taranto: «Aiutatemi, ho bisogno del plasma»

Covid, Giulia dall'ospedale di Taranto: «Aiutatemi, ho bisogno del plasma»

 
Bariemergenza Covid
Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi postazione

Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi

 
Lecceil giallo
Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Bovino, agricoltore 71enne muore schiacciato dal muletto

Bovino, agricoltore 71enne muore schiacciato dal muletto

 
Brindisinel Brindisino
S.Pancrazio, parroco antidroga accerchiato e insultato: «Denuncio chi bestemmia»

S.Pancrazio, parroco antidroga accerchiato e insultato: «Denuncio chi bestemmia»

 
BatEffetto-pandemia
Trani, le nozze civili sono in streaming per gli invitati virtuali

Trani, le nozze civili sono in streaming per gli invitati virtuali

 
MateraNel Materano
Bernalda, la protesta di un disabile: «In casa avevo operai in attesa dell'esito del tampone»

Bernalda, la protesta di un disabile: «In casa avevo operai in attesa dell'esito del tampone»

 

i più letti

PERUGIA

Sindacati sanità Umbria, punto di non ritorno

Chiesta convocazione a prefetto e annunciato avvio mobilitazione

Sindacati sanità Umbria, punto di non ritorno

PERUGIA, 31 OTT - "Siamo a un punto di non ritorno": è il grido d'allarme di lavoratrici e lavoratori della sanità umbra lanciato nell'assemblea con Cgil, Cisl e Uil. I sindacati hanno parlato di "situazione insostenibile". Hanno quindi chiesto al prefetto di Perugia una convocazione straordinaria di Regione e parti sociali. Intanto Cgil, Cisl e Uil hanno annunciato l'avvio della mobilitazione. "Dalla prossima settimana - è detto in una loro nota - inizieremo una serie di presidi in tutte le strutture sanitarie della regione a partire da Spoleto, Terni e poi tutte le altre. Ma non escludiamo alcuna forma, perché la situazione è arrivata ad un punto di non ritorno". All'assemblea online organizzata da Fp Cgil, Fp Cisl e Uil Fpl dell'Umbria hanno partecipato oltre 50 rappresentanti di tutte le strutture territoriali e ospedaliere della regione, insieme alle tre confederazioni che hanno dato voce - è detto in una loro nota - "al grande malessere che attraversa gli operatori di un settore sottoposto ad una pressione senza precedenti". "Mancanza di informazione e organizzazione, difficoltà nel reperire i dpi, nel garantire separazione tra spazi Covid e non e, soprattutto, una cronica carenza di personale aggravata dalla pandemia, che non consente di garantire la gestione delle altre patologie" sono le criticità segnalate dai lavoratori che denunciano, insieme ai loro sindacati, "la mancanza di un confronto costante e serio con la Regione". "Quello descritto da chi sta tutti i giorni in corsia o sul territorio, in mezzo all'emergenza, è un quadro drammatico - affermano i sindacati - rispetto al quale la risposta della Regione e dell'assessore Coletto in particolare fino a questo momento è stata assolutamente inadeguata, sia per il mancato coinvolgimento di chi lavora (gli unici veramente in grado di offrire suggerimenti su come migliorare la situazione) sia per la tendenza a ripetere gli errori, insistendo ad esempio con le assunzioni a tempo determinato e con le prestazioni aggiuntive, sottoponendo così i lavoratori a turni massacranti". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie