Lunedì 28 Settembre 2020 | 05:08

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Ex manager staff Trump minaccia suicidio

Ex manager staff Trump minaccia suicidio

 
WASHINGTON
TikTok, giudice Usa blocca bando Trump

TikTok, giudice Usa blocca bando Trump

 
ROMA
Serie A, Roma-Juventus 2-2

Serie A, Roma-Juventus 2-2

 
PISA
Trovato morto su argine Arno, coltellate

Trovato morto su argine Arno, coltellate

 
CROTONE
Serie A: Crotone-Milan 0-2

Serie A: Crotone-Milan 0-2

 
ROMA
Enit, turismo italiano ce la farà

Enit, turismo italiano ce la farà

 
ROMA
Turismo sconta la crisi più nera, appello del Papa

Turismo sconta la crisi più nera, appello del Papa

 
ALTOPASCIO (LUCCA)
Centinaia a rave in Lucchesia, indagini

Centinaia a rave in Lucchesia, indagini

 
ANCONA
Coronavirus: positiva operatrice asilo nido, struttura chiude

Coronavirus: positiva operatrice asilo nido, struttura chiude

 
ROMA
Covid: contagi stabili, 1.766, ma 20 mila tamponi in meno

Covid: contagi stabili, 1.766, ma 20 mila tamponi in meno

 
BRESCIA
Marito le dà fuoco,muore in ospedale una settimana dopo

Marito le dà fuoco,muore in ospedale una settimana dopo

 

Il Biancorosso

Francavilla-Bari 2-3
Biancorossi, il campionato inizia con una vittoria in trasferta

Biancorossi, il campionato inizia con una vittoria in trasferta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl posto
Valenzano, è crisi al Comune, si dimette il sindaco- «Frattura politica

Valenzano, è crisi al Comune, si dimette il sindaco- «Frattura politica

 
TarantoIl fenomeno
Taranto, 130 pasticche di ansiolitico venduto come droga: arrestato 22enne

Taranto, 130 pasticche di ansiolitico venduto come droga: arrestato 22enne

 
Foggianel foggiano
San Nicandro Garganico: consigliere comunale in macchina con la pistola, arrestato

San Nicandro Garganico: consigliere comunale in macchina con la pistola, arrestato

 
Materacalcio
Da Bernalda la favola di Berni Gallitelli, a 10 anni ingaggiato dal Lecce

Da Bernalda la favola di Berni Gallitelli, a 10 anni ingaggiato dal Lecce

 
PotenzaNel Potentino
Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

 
LecceLe indagini
Duplice omicidio Lecce: recuperati resti dei guanti del killer, forse drogato prima di agire

Duplice omicidio Lecce: recuperati resti dei guanti del killer, forse drogato prima di agire

 
Batsanità
Barletta, al «Dimiccoli» eseguita per la prima volta Pet per diagnosi tumori endocrini

Barletta, al «Dimiccoli» eseguita per la prima volta Pet per diagnosi tumori endocrini

 

i più letti

ROMA

Messico: ex presidente Pena Nieto indagato per corruzione

Accusato di aver ricevuto tangenti da Odebrecht

Messico: ex presidente Pena Nieto indagato per corruzione

ROMA, 12 AGO - La Procura generale del Messico ha aperto un'inchiesta sull'ex presidente Enrique Pena Nieto e sul suo ex ministro delle Finanze, Luis Videgaray, per presunti atti di corruzione legati alla società di costruzioni brasiliana Odebrecht. Secondo quanto riferito dal quotidiano messicano Milenio, l'indagine si basa su una denuncia in base alla quale l'ex presidente del Partito Rivoluzionario Istituzionale (Pri) e Videgaray sono accusati di aver ordinato la distribuzione di oltre 500 milioni di pesos (circa 19 milioni di euro) di tangenti ricevute dalla compagnia brasiliana per pagare consiglieri stranieri nella campagna del 2012, legislatori e un partito politico. Il procuratore generale Alejandro Gertz Manero ha riferito la denuncia contro Pena Nieto e Videgaray è stata presentata dall'ex direttore della compagnia petrolifera statale Petróleos Mexicanos, Emilio Lozoya Austin, che è stato un consigliere di Pena Nieto nella sua campagna presidenziale del 2012 e che è detenuto con l'accusa di corruzione, e oggi collabora con la giustizia messicana. In un messaggio ai media, il procuratore ha riferito che Lozoya, estradato in Messico a luglio dopo essere stato arrestato in Spagna, ha riferito che Odebrecht avrebbe pagato una serie di tangenti di valore superiore ai 100 milioni di pesos che sono state "utilizzate principalmente per la campagna 2012" delle elezioni per la presidenza messicana. "Colui che in seguito è diventato presidente (Peña Nieto) e il suo segretario al Tesoro (Luis Videgaray) sono le persone, sottolinea Loyoza, che hanno ordinato che questi soldi fossero consegnati a vari consiglieri stranieri che hanno collaborato e lavorato per la campagna", ha riferito Gertz. Il procuratore ha poi riferito che Lozoya ha anche denunciato l'acquisto di voti da parte dei due accusati per assicurarsi le riforme strutturali nel 2013 e nel 2014. "In quel caso specifico si parla anche di 120 milioni di pesos, che le stesse persone hanno ordinato di distribuire a un deputato e cinque senatori", ha spiegato. (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie