Mercoledì 24 Aprile 2019 | 13:48

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Fonti Chigi, su Siri decide il premier

Fonti Chigi, su Siri decide il premier

 
RICCIONE (RIMINI)
Cade durante salto con asta, ricoverato

Cade durante salto con asta, ricoverato

 
MOSCA

Cremlino, incontro Putin-Kim domani alle 13 ora locale

 
ROMA

Sarraj accusa la Francia, sostiene il dittatore Haftar

 
ROMA
Salva Roma: Lega, ora proposta su poteri

Salva Roma: Lega, ora proposta su poteri

 
ROMA

Salva Roma:Lega,presto proposta su poteri

 
ROMA
Salva Roma: Raggi, ci penserà Parlamento

Salva Roma: Raggi, ci penserà Parlamento

 
ROMA

Salva Roma:Raggi,sono certa che ci penserà Parlamento

 
ROMA

Musica: Vasco, 29 volte a San Siro in 29 anni

 
Papa: la giustizia non risolve tutto

Papa: la giustizia non risolve tutto

 
ROMA
Sané vuol lasciare il City,Bayern pronto

Sané vuol lasciare il City,Bayern pronto

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoPrimo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
BariNel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
LecceL'operazione dei cc
Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
BatBotta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 

VENEZIA

Zaia: trovati nuovi Pfas nel Po, è un caso nazionale

Dal Veneto segnalazione a Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte

VENEZIA, 16 APR - E' stata riscontrata nel Po la presenza di c6o4, Pfas di nuova generazione: lo rende noto l'Arpav. "Questa è la conferma che la questione Pfas interessa tutto il Paese, è una primaria questione ambientale nazionale", sottolinea il presidente del Veneto, Luca Zaia. La Regione Veneto sta predisponendo una segnalazione alle Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte. Le campionature sono state eseguite dall'Arpav dopo la contaminazione da sostanze perfluoro-alchiliche delle falde idriche nei territori delle province di Vicenza, Verona e Padova. L'inquinante era stato trovato in passato nelle acque contaminate nei pressi dello stabilimento della Miteni, che lo utilizzava nel processo produttivo a sostituzione dei Pfas tradizionali. A marzo è stata riscontrata una positività presso la stazione di acque superficiali sul fiume Po in località Corbola con la determinazione di un quantitativo di alcune decine di nanogrammi litro. Il campionamento è stato ripetuto il 2 aprile scorso, confermando il ritrovamento sia nella stazione già campionata che a monte e a valle. Considerato che, data l'ubicazione dei punti di campionamento, risulti pressoché impossibile che derivi dal sito inquinato nell'area dell'azienda Miteni, secondo l'Arpav il composto quasi sicuramente deriva dalle regioni del bacino padano a monte idraulico delle prese in cui è stata ritrovata la sostanza con una concentrazione di circa 80 nanogrammi/litro. La stazione è ubicata in prossimità di Castelmassa, al confine con Lombardia ed Emilia. Una sostanza così poco utilizzata e di nuova generazione per essere riscontrata in queste quantità nel fiume più grande d'Italia, viene rilevato, fa supporre che si possano trovare a monte fonti di inquinamento importanti. Non essendovi limiti europei e nazionali, per motivi precauzionali il gestore della rete idropotabile Acque Venete ha già ordinato nuove batterie di filtri. "E necessario che il Governo, come ha già fatto il Veneto da tempo, intervenga fermamente, ponendo limiti zero. Invitiamo, quindi, il Ministero dell'Ambiente a muoversi sulla linea già tracciata dalla nostra Regione, agendo il più rapidamente possibile". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400