Martedì 18 Dicembre 2018 | 20:23

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON

Russiagate: rinviato verdetto per Flynn

 
NEW YORK

Stretta di Trump sulle armi, vietati i potenziatori

 
ROMA
Anticorruzione: ok definitivo da Camera

Anticorruzione: ok definitivo da Camera

 
ANCONA
Mozione Marche per Patto ricostruzione

Mozione Marche per Patto ricostruzione

 
ROMA

Fisco: quasi triplicati interessi per ritardatari, allo 0,8%

 
ARICCIA (ROMA)
Apre l'ospedale dei Castelli

Apre l'ospedale dei Castelli

 
MILANO
Perde portafogli, prostituta lo riporta

Perde portafogli, prostituta lo riporta

 
ANCONA
Ceriscioli, no altro inverno così in Sae

Ceriscioli, no altro inverno così in Sae

 
TORINO
Juve al lavoro, Khedira torna in gruppo

Juve al lavoro, Khedira torna in gruppo

 
ROMA

Berlino: a Panorama gli italiani Bondi e Ferrente

 
MILANO
Ausilio: Icardi alla Juve non andrà mai

Ausilio: Icardi alla Juve non andrà mai

 

ROMA

Calcio: Radice, Pulici "per me un maestro e un papà"

L'ex bomber granata, avevamo un rapporto bellissimo durato anni

ROMA, 7 DIC - "È stato un maestro, un papà. Mi ha aiutato a essere qualcosa di più di un buon calciatore, mi ha aiutato anche a essere un uomo fuori dal campo". Così l'ex bomber del Toro Paolo Pulici ricorda Gigi Radice, l'allenatore dello scudetto 1976 scomparso oggi a 83 anni. Pulici, intervistato dal sito Toro.it, ha detto di avere avuto con il tecnico lombardo "un rapporto bellissimo che è durato tanti anni. Dispiace perché purtroppo se ne è andato soffrendo un po". Radice, ha raccontato ancora Pulici, "era un allenatore che pretendeva da tutti serietà. Ma era anche un uomo e come uomo chiedeva certe particolarità e bisognava rispettarle. I consigli che ti dava, se li ascoltavi, ti facevano sempre andare in campo e fare bene".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400