Mercoledì 21 Novembre 2018 | 21:32

NEWS DALLA SEZIONE

BUDAPEST

Ungheria non estraderà a Skopje ex premier macedone Gruevski

 
BERGAMO
Atalanta: Zapata,dimenticare 4-1 a Inter

Atalanta: Zapata,dimenticare 4-1 a Inter

 
MILANO
Ragazzino torturato, dubbi sul movente

Ragazzino torturato, dubbi sul movente

 
ROMA
Bundesliga vuol abolire posticipo lunedì

Bundesliga vuol abolire posticipo lunedì

 
ROMA

Musica: Jovanotti, esce il video di Al Chiaro di Luna

 
ROMA

Spread Btp-Bund chiude in calo sotto i 310 punti base

 
WASHINGTON

Corte Suprema contro Trump,'giudici sono indipendenti'

 
ROMA

Terremoto: prorogato a 2020 stop bollette acqua, gas e luce

 
ROMA
Prorogato a 2020 stop bollette

Prorogato a 2020 stop bollette

 
PRATO
Non pagano ticket esami Asl, 44 indagati

Non pagano ticket esami Asl, 44 indagati

 
FIRENZE
Maltempo, codice giallo per pioggia

Maltempo, codice giallo per pioggia

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

MILANO

Pernigotti:blitz europarlamentare Ciocca fuori holding turca

'Salvaguardare posti lavoro e azienda, arrivata prima apertura'

MILANO, 10 NOV - Blitz dell'europarlamentare della Lega, Angelo Ciocca, in Turchia, davanti alla sede della holding Toksoz per chiedere il mantenimento della produzione della Pernigotti nello stabilimento di Novi Ligure (Alessandria) e la salvaguardia di tutti i posti di lavoro e dell'azienda. "Nella giornata di ieri ho manifestato fuori dalla Toksoz per chiedere il rispetto del lavoro e della storia del marchio italiano Pernigotti e per la salvaguardia degli oltre 200 dipendenti. Un cambio di atteggiamento da parte della proprietà si inizia già a vedere con la partecipazione al tavolo di crisi del Ministero dello Sviluppo Economico di metà novembre", afferma Ciocca in una nota. "Esternalizzare le produzioni in Italia è un escamotage che consente alle grandi aziende di liberarsi dei lavoratori e spostare le produzioni altrove", replica il politico alla proprietà che ha affermato di non voler delocalizzare. "Una prima apertura è arrivata - ha concluso Ciocca -, ora occorre salvaguardare le centinaia di lavoratori coinvolti e trovare un percorso di continuità per un marchio simbolo del Made in Italy. Se l'atteggiamento del gruppo turco dovesse cambiare nuovamente sono pronto a tornare ad Istanbul con i colleghi del Parlamento".(ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400