Lunedì 19 Novembre 2018 | 01:58

NEWS DALLA SEZIONE

TOKYO

Borsa: Tokyo, apertura poco variata (-0,06%)

 
WASHINGTON

Usa: siparietto Obama a presentazione libro Michelle

 
ROMA

Coni: Salvini "Chi mi dice fascista è a canna del gas"

 
ROMA

Tv: Mediaset, Grande Fratello Vip nessuna chiusura prima

 
ROMA

Tennis: Atp Finals, Djokovic ko, il 'maestro' è Zverev

 
PARIGI

Gilet gialli: Philippe, 'rotta governo non cambia'

 
MILANO

Calcio: Marotta verso Inter, in Cina incontra Suning

 
MILANO
Inter, Marotta in Cina incontra Suning

Inter, Marotta in Cina incontra Suning

 
MADRID

Spagna: Femen protestano a commemorazione morte di Franco

 

Netanyahu assume Difesa, momento sicurezza complesso

 
ROMA

Cinema: box office Usa, I crimini di Grindelwald al top

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

ROMA

Pd: Calenda, paralizzati dai rancori

Più facile mettere insieme quelli fuori dal partito

Pd: Calenda,  paralizzati dai rancori

ROMA, 9 NOV - "Non penso sia dirimente chi sarà il nuovo segretario del Pd rispetto al fatto che si faccia o meno un fronte repubblicano, cioè una lista aperta per le Europee, perché ormai sono d'accordo tutti. Zingaretti, Minniti, tutti sono d'accordo nel fare questa cosa perché è necessaria. Secondo me è molto più facile mettere insieme quelli fuori dal Pd che quelli dentro il partito. Questo partito è paralizzato dai rancori". Lo ha affermato Carlo Calenda nel corso del suo intervento al festival di Linkiesta, il giornale online, che si tiene a Milano, parlando del dialogo all'interno del Pd. "Io continuo a insistere su un punto, perché siamo stati seduti tutti insieme in Consigli dei ministri a combattere per molte cose, e non ci si può credere che adesso non ci sediamo tutti insieme allo stesso tavolo a decidere una linea politica - ha concluso -. Io voglio vederci tutti seduti allo stesso tavolo e continuerò a rompere le scatole".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400