Mercoledì 21 Novembre 2018 | 02:26

NEWS DALLA SEZIONE

TOKYO

Borsa: Tokyo, apertura in ribasso (-1,35%)

 
WASHINGTON

Russiagate: consegnate risposte Trump a Mueller

 
ROMA
Al Brasile basta Richarlison, Camerun ko

Al Brasile basta Richarlison, Camerun ko

 
NEW YORK

Amazon:Bezos, assegno da 97,5 mln dlr per aiuti a senzatetto

 
ROMA
Verratti: La miglior Italia che ho visto

Verratti: La miglior Italia che ho visto

 
ROMA

Mancini: "Sofferenza gol, ma noi più avanti del previsto"

 
ROMA

Calcio: Italia-Usa 1-0

 
ROMA
Italia-Usa: tifoso invade il campo

Italia-Usa: tifoso invade il campo

 
ROMA
Tegole sul PSG, Neymar e Mbappé vanno ko

Tegole sul PSG, Neymar e Mbappé vanno ko

 
ROMA
Giorgetti: Con Miccichè confronto aperto

Giorgetti: Con Miccichè confronto aperto

 
ROMA

Anticorruzione: Salvini, voto sbagliato, linea la do io

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

CAGLIARI

Sventato sequestro: convalidato arresto Davide Sau

Moglie ristoratore, rapinatori devono stare in galera a vita

CAGLIARI, 9 NOV - E' stato convalidato l'arresto del 33enne Davide Sau, il fratello dell'attaccante del Cagliari, arrestato nell'ambito delle indagini sullo sventato sequestro di un facoltoso ristoratore cagliaritano a scopo di rapina. Secondo gli investigatori, il covo della banda era a casa di Sau, nel quartiere popolare di Is Mirrionis: nel suo garage è stato trovato un arsenale di armi e munizioni, ma anche droga e materiale utile per rapine e altre azioni criminali. "Io non c'entro nulla con quella roba", da detto rispondendo brevemente alle domande del Gip, Gabriella Muscas. Un interrogatorio rapidissimo, durante il quale era presente il difensore di Sau, Pierluigi Pau. Il fratello del calciatore è sospettato,di aver custodito, per conto della banda, una pistola Beretta con 8 proiettili, una pistola Bruni con la canna modificata e un caricatore con 4 proiettili, 37 cartucce calibro 7,65, 52 calibro 9x21 e 8 calibro 380. Davide Sau, che già si trovava ai domiciliari, è rinchiuso nel carcere di Uta per detenzione illegale di materiale esplosivo, armi e munizioni, detenzione e spaccio di droga, in attesa che il Gip sciolga la riserva sulla misura cautelare chiesta dal pm Alessandro Pili. Nel frattempo parla Alina,la moglie del ristoratore Alberto Melis: "queste persone devono rimanere tutta la vita in galera, hanno un cuore di ghiaccio, hanno progettato qualcosa di bestiale, volevano violentarmi dopo aver legato mio marito e sapendo che in casa c'era una bambina di 4 anni che sarebbe rimasta traumatizzata per tutta la vita. Non possono stare in libertà, devono pagare, ci aspettiamo giustizia. Abbiamo avuto paura, molta paura. Ma lo choc maggiore è stato quando abbiamo letto le intercettazioni - spiega - Quando ho saputo che volevano abusare di me davanti a mia figlia e a mio marito è stato terribile. Ho pianto molto, ho pianto tutta la notte".(ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400