Lunedì 17 Dicembre 2018 | 08:40

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Qualità della vita, Milano al top

Qualità della vita, Milano al top

 
ROMA

Qualità della vita: Milano per la prima volta al top

 
BARI
Terrorismo:convalida fermo 20enne somalo

Terrorismo:convalida fermo 20enne somalo

 
BARI

Terrorismo: convalidato fermo 20enne somalo

 
MILANO
Auto contromano, 6 morti in Lombardia

Auto contromano, 6 morti in Lombardia

 
MILANO

Auto contromano su statale, 6 morti in Lombardia

 
TOKYO

Borsa: Tokyo, apertura piatta (+0,08%)

 
BARCELLONA
Levante-Barcellona 0-5, tripletta Messi

Levante-Barcellona 0-5, tripletta Messi

 
BARCELLONA

Calcio: Levante-Barcellona 0-5, Messi in gol tre volte

 
PERUGIA
Bocci nuovo segretario Umbria del Pd

Bocci nuovo segretario Umbria del Pd

 
ROMA

Calcio: Serie A, Roma-Genoa 3-2

 

ROMA

Dia confisca 9 mln beni a imprenditori

Operazione a Napoli nel quartiere Sanità

Dia confisca 9 mln beni a imprenditori

ROMA, 10 OTT - Il Centro Operativo Dia di Napoli ha eseguito un provvedimento di confisca di beni emesso, su proposta del Direttore della Dia, dal Tribunale di Napoli - Sezione Misure di Prevenzione - nei confronti dei fratelli Giuseppe e Vincenzo Candurro, ritenuti esponenti di vertice del sodalizio del clan Misso, storico gruppo camorristico capeggiato da Giuseppe Misso, radicato ed egemone nel quartiere Sanità che, a partire dagli anni '80 e fino al 2000, ha determinato le strategie e gli assetti criminali di Napoli. Le indagini hanno confermato come Vincenzo Candurro, detto "Enzo 'o barbiere" (in quanto titolare, in passato, di una barberia nel centro storico di Napoli), sia secondo le indagini diventato, nel tempo, il cassiere e uomo di fiducia del citato boss (c'è anche una condanna a suo carico per associazione di tipo mafioso), mentre il fratello Giuseppe si sia, invece, occupato, sempre per conto del clan Misso, del reimpiego in attività economiche di denaro di provenienza illecita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400