Lunedì 17 Dicembre 2018 | 08:56

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Qualità della vita, Milano al top

Qualità della vita, Milano al top

 
ROMA

Qualità della vita: Milano per la prima volta al top

 
BARI
Terrorismo:convalida fermo 20enne somalo

Terrorismo:convalida fermo 20enne somalo

 
BARI

Terrorismo: convalidato fermo 20enne somalo

 
MILANO
Auto contromano, 6 morti in Lombardia

Auto contromano, 6 morti in Lombardia

 
MILANO

Auto contromano su statale, 6 morti in Lombardia

 
TOKYO

Borsa: Tokyo, apertura piatta (+0,08%)

 
BARCELLONA
Levante-Barcellona 0-5, tripletta Messi

Levante-Barcellona 0-5, tripletta Messi

 
BARCELLONA

Calcio: Levante-Barcellona 0-5, Messi in gol tre volte

 
PERUGIA
Bocci nuovo segretario Umbria del Pd

Bocci nuovo segretario Umbria del Pd

 
ROMA

Calcio: Serie A, Roma-Genoa 3-2

 

BARI

Aggressione corteo: Canfora a manifestazione, Bari non dorme

"Città si è svegliata sotto colpi aggressione orribile"

BARI, 25 SET - "La città non dorme, si è svegliata sotto i colpi di una aggressione orribile. Bari è migliore di quello che noi pensiamo di solito, vuol dire che abbiamo seminato. I nostri avi hanno fatto la loro parte e noi dobbiamo fare la nostra". Lo storico barese Luciano Canfora ha chiuso la manifestazione antifascista organizzata in piazza Prefettura a Bari dopo l'aggressione di venerdì scorso ad un corteo antirazzista. "Siamo caduti in basso" ha detto riferendosi non soltanto all'aggressione, ma anche alle attuali scelte politiche nazionali. "Abbiamo al vertice - ha detto - forze che preferiscono proferire parole di rifiuto per gli ultimi della società". "Una storia che abbiamo visto tante volte" ha detto ancora, ricordando le leggi razziali e le deportazioni degli ebrei. "Il fascismo è davvero il principale avversario contro cui questa piazza sta dicendo basta". Prima del professor Canfora, sul palco di piazza Prefettura, di fronte a circa 2mila persone tra musica partigiana e bandiere, sono intervenuti studenti, sindacalisti e due dei manifestanti aggrediti venerdì scorso, l'europarlamentare di Potere al Popolo Eleonora Forenza e Claudio Riccio di Sinistra Italiana. "Dobbiamo resistere ai neofascisti che picchiano ma anche al razzismo e alla xenofobia che vengono spacciate come buonsenso nelle politiche di questo governo" ha detto Forenza, che ha chiesto pubblicamente le dimissioni del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ricordando una sua "cena con esponenti di CasaPound".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400