Giovedì 15 Novembre 2018 | 21:36

NEWS DALLA SEZIONE

FIRENZE
Intervengono per furto, feriti 2 agenti

Intervengono per furto, feriti 2 agenti

 
FIRENZE
Teatro Maggio,lo Stabat Mater di Piovani

Teatro Maggio,lo Stabat Mater di Piovani

 
ROMA

Magherini: Cassazione assolve i tre carabinieri

 
ROMA
Magherini: Cassazione assolve i tre Cc

Magherini: Cassazione assolve i tre Cc

 
ROMA

Brexit: Corbyn, senza elezioni sì a secondo referendum

 
ROMA

Siria: ong, 18 civili morti in raid Usa su Isis

 
WASHINGTON

Khashoggi: sanzioni Usa contro 17 dirigenti Riad coinvolti

 
MILANO
Candreva, imparare da errori di Bergamo

Candreva, imparare da errori di Bergamo

 
LONDRA

May tira diritto, la mia linea sulla Brexit è giusta

 
COMO
Como, protesta no vax contro i medici

Como, protesta no vax contro i medici

 
ROMA

Anticorruzione: sì Commissione a norme riforma prescrizione

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

SERVIGLIANO (FERMO)

Morto Killby,suo trust per studenti

Veterano Uk,fuggì da prigionia fu protetto da famiglie italiane

Morto Killby,suo trust per studenti

SERVIGLIANO (FERMO), 10 SET - E' morto a Londra a 102 anni James Keith Killby, veterano inglese e uno degli ultimi sopravvissuti del campo di prigionia di Servigliano, nelle Marche. Famoso in tutto il mondo per l'attività di relazioni culturali, quando aveva compiuto 100 anni aveva ricevuto telegrammi da Mattarella e dalla regina Elisabetta. Soldato della sanità, era stato catturato in Libia e portato a Servigliano, da dove fuggì con altri duemila militari alleati nel settembre 1943, trovando rifugio presso una famiglia nel paese di Monte San Martino (Macerata). Dopo la guerra fondò il Monte San Martino Trust, una fondazione finanziata da reduci e veterani e poi dai loro discendenti, che assegna borse di studio agli studenti del Maceratese e del Fermano: un gesto di ringraziamento per quelle famiglie coraggiose che avevano protetto i soldati alleati in fuga. "La salvezza? La trovammo nelle case dei contadini: ci sfamarono e ci nascosero, a rischio della vita. Che Dio li abbia in gloria".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400