Sabato 19 Gennaio 2019 | 21:13

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA

Mattarella, Matera simbolo del Sud che vuole innovare

 
ROMA

Alitalia: Di Maio, stiamo lavorando sul piano industriale

 
MILANO
Carica dei bimbi, invadono San Siro

Carica dei bimbi, invadono San Siro

 
ROMA

Tim: rimane dominante anche con scorporo rete

 
ROMA
Al Dortmund basta Witsel, Bayern a -6

Al Dortmund basta Witsel, Bayern a -6

 
ROMA
Sarri frena, 2-0 dell'Arsenal al Chelsea

Sarri frena, 2-0 dell'Arsenal al Chelsea

 
ROMA
Serie B: classifica

Serie B: classifica

 
ROMA
Serie A: Udinese-Parma 1-2

Serie A: Udinese-Parma 1-2

 
WASHINGTON

Axios, Trump offrirà legge su dreamer in cambio muro

 
JOHANNESBURG 19 GEN

Somalia:raid aereo Usa,52 estremisti al Shabaab uccisi

 
ROMA

Spagna: bambino nel pozzo, si scavano i tunnel

 

VENEZIA

Libri: De Carlo, nuovo romanzo tra magie e parodia dei talk

Festeggiato a fonderia Seguso Murano anche ritorno a Nave Teseo

VENEZIA, 11 SET - L'uscita del ventesimo romanzo, il ritorno a La nave di Teseo e la nuova edizione, con le copertine disegnate dallo scrittore, di tutti i suoi libri per la casa editrice di cui è direttore generale ed editoriale Elisabetta Sgarbi. Triplo festeggiamento per Andrea De Carlo con l'arrivo di 'Una di luna', nelle librerie dal 13 settembre, con un benvenuto a sorpresa alla fonderia e archivio di vetri d'arte Seguso a Murano. Storia del difficile rapporto tra un padre e una figlia che hanno in comune l'amore per la cucina, il libro ci porta nelle luci e ombre di Venezia, ci fa entrare nell'assurdità dei talk televisivi e nel mondo dell'illusionismo. "Ho cercato un certo colore di Venezia, una sfumatura e questo lavoro di ricerca si avvicina a quello del grande vetraio. Elisabetta mi aveva promesso una magia e la ho trovata al di là di quello che mi aspettavo"" spiega De Carlo. "Doveva essere un'occasione particolare, un ritrovarsi diverso da tutti gli altri" dice la Sgarbi. Prima di salire sul motoscafo che lo portava a Murano, con i vertici de La Nave di Teseo, Elisabetta Sgarbi, Mario Andreose ed Eugenio Lio e un gruppo ristretto di giornalisti, De Carlo non sapeva veramente cosa sarebbe successo alle fornaci Seguso dove ha lavorato il vetro incandescente con l'aiuto dei maestri vetrai, dove sono stati creati dei medaglioni celebrativi del suo romanzo e gli è stato regalato un libro di vetro blu cobalto, il colore di Seguso, con inciso il titolo del suo ventesimo romanzo e il nome dell'editore. "Non è mai successo che si facesse una presentazione così nella storia di Seguso, una famiglia che fa artigianato che è vera e propria arte. Qui le arti si incontrano, c'è un dialogo assoluto tra questi due mondi perché Andrea non è solo un romanziere, ma un artista complesso che ha molte facce e lo dimostrano i suoi libri, la sua ricerca del colore e le sue copertine che sono delle opere d'arte" ha spiegato Elisabetta Sgarbi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400