Sabato 17 Novembre 2018 | 17:50

NEWS DALLA SEZIONE

AOSTA

Infanticidio Aosta: autopsia conferma avvelenamento

 
PARIGI

Gilet gialli, gas lacrimogeni a traforo Monte Bianco

 
BUENOS AIRES

Argentina: Marina, su sottomarino danni da implosione

 
WASHINGTON

Roghi California:ong,aria S.Francisco più inquinata al mondo

 
ROMA
Coni: Scarso, atleti chiedono che faremo

Coni: Scarso, atleti chiedono che faremo

 
MILANO
Minniti, no atteggiamento aristocratico

Minniti, no atteggiamento aristocratico

 
ROMA

A Londra protesta contro il cambiamento climatico

 
TORINO

Tav: Tajani, Ue aspetta che Italia mantenga impegni

 
MILANO
Salvini, con Cav bevuto un caffè

Salvini, con Cav bevuto un caffè

 
MILANO

Salvini, maggioranza alternativa? Con Cav solo caffè

 
TORINO
Cav: governo non durerà

Cav: governo non durerà

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Crollo ponte: primi interrogatori in procura a Genova

Funzionario autostrade da pm, chiese studio sul Morandi al Cesi

(ANSA) - GENOVA, 10 SET - Primo interrogatorio, negli uffici del palazzo di giustizia di Genova, nell'ambito dell'inchiesta sul crollo del Ponte Morandi. I magistrati stanno ascoltando, in qualità di persona informata dei fatti, Enrico Valeri, responsabile del coordinamento della viabilità di Autostrade. La notte del 14 agosto, Valeri scrisse al Cesi, nota società di consulenza ingegneristica e strutturale, per farsi mandare lo studio sul ponte Morandi fatto nel 2016. A Valeri, quella notte, rispose una responsabile dell'ufficio marketing di Cesi. La donna accompagnò il progetto dicendo che la tragedia era stata causata da "probabili fatti collegati al progetto originario". Una incongruenza, secondo gli investigatori, dal momento che i tecnici di Cesi avevano riscontrato delle anomalie e per questo consigliavano un "monitoraggio costante e dinamico".(ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400