Martedì 13 Novembre 2018 | 08:09

NEWS DALLA SEZIONE

CONDOFURI (REGGIO CALABRIA)
Confiscati beni a presunto capocosca

Confiscati beni a presunto capocosca

 
PARADISE (USA)

California, sale a 42 morti il bilancio degli incendi

 
WASHINGTON

Arizona, ai democratici il seggio del Senato dopo 24 anni

 
PECHINO

Borsa: Shanghai apre a -1,14%, pesano perdite Wall Street

 
TOKYO

Borsa: Tokyo, apertura in forte ribasso (-1,77%)

 
NEW YORK
Usa anti-Italia, c'è figlio di Klinsmann

Usa anti-Italia, c'è figlio di Klinsmann

 
FIRENZE
Chiellini, Che onore fare 100 con Italia

Chiellini, Che onore fare 100 con Italia

 
PISA
Omicidio nel Pisano: fermato un giovane

Omicidio nel Pisano: fermato un giovane

 
PISA

Omicidio nel Pisano: fermato giovane dopo interrogatorio

 
RIMINI
Tentato omicidio vicino Questura Rimini

Tentato omicidio vicino Questura Rimini

 
MILANO
Aggredito con la bici, morto a Milano

Aggredito con la bici, morto a Milano

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

PIACENZA

Finti padri per figli lucciole,2 denunce

63enne e 48enne riconoscevano bimbi all'anagrafe dietro compenso

Finti padri per figli lucciole,2 denunce

PIACENZA, 10 SET - Un'indagine della Polizia Municipale di Piacenza ha permesso di scoprire due uomini che - dietro un compenso in denaro di 800 euro - si prestavano per riconoscere all'anagrafe i figli delle prostitute. Due i casi accertati, grazie anche al test del Dna compiuto su disposizione della Procura della Repubblica della città emiliana. Dall'analisi è emerso che un bambino e una bambina non avevano alcun legame di parentela con i due uomini italiani di cui portavano il cognome: un cremonese di 63 anni e un milanese di 48 che sono stati denunciati per false attestazioni. Lo stratagemma, svelato dalla Municipale piacentina, permetteva alle 'lucciole' di far ottenere la cittadinanza italiana ai figli e, quindi, di poter restare nel nostro Paese. L'indagine ha fatto anche luce su un giro di prostituzione e sfruttamento che aveva portato una giovane ragazza albanese sulla strada contro la sua volontà, ricattata dai suoi protettori che alla fine sono stati denunciati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400