Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 01:11

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON

Khashoggi: visto Usa negato o revocato a 21 sauditi

 
ROMA

Champions:Mourinho, per tifosi Juve triplete Inter duro

 
ROMA
Mourinho, per tifosi Juve triplete duro

Mourinho, per tifosi Juve triplete duro

 
PARIGI

Fincantieri-Naval Group, pronti a lancio concreto alleanza

 
ROMA

La Ferrari Portofino eletta Auto Europa Sportiva 2019

 
ROMA

Champions: Roma-Cska Mosca 3-0

 
MANCHESTER

Champions: Manchester United-Juventus 0-1

 
ROMA

Manovra: Moavero, l'ultima parola spetta al Parlamento

 
ROMA

Metro Roma:Raggi,città accanto a feriti,qui per capire

 
ROMA
Raggi, città accanto a feriti

Raggi, città accanto a feriti

 
ROMA

Metro Roma: scala mobile collassa, feriti tifosi Cska Mosca

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

LONDRA

Nei diari di viaggio di Einstein spunta razzismo anticinese

'Un popolo sporco e ottuso, speriamo non soppianti altre razze'

LONDRA, 13 GIU - Un Albert Einstein incline a insospettabili pregiudizi razzisti, almeno nei confronti dei cinesi, emerge dalle pagine dei diari di viaggio scritti dal fisico e premio Nobel durante un giro nell'estremo oriente asiatico datato 1922/23 e pubblicati ora negli Usa. Diari che riportano impressioni rapsodiche e considerazioni sparse su arte, religione e politica, ma non senza concessioni agli stereotipi dell'epoca, come ammette lo stesso editore. I cinesi - stando a passaggi anticipati dal britannico Guardian - vi vengono descritti come "un popolo industrioso, sporco e ottuso", gente "spesso più simile ad automi che a persone". "Sarebbe un peccato se i cinesi soppiantassero le altre razze: per quelli come noi, il solo pensiero è indicibilmente cupo", insiste più avanti il grande scienziato ebreo tedesco, che in altre fasi della sua vita ebbe pure a bollare il razzismo come una forma di "malattia dei popoli bianchi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400