Lunedì 14 Ottobre 2019 | 09:50

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

L'INTERVISTA

Torrente: "Bari, tieni Brienzapuò ancora decidere un match"

Torrente: "Bari, tieni Brienza: può ancora decidere un match"

L'ex allenatore dei galletti: "In trasferta la squadra dovrà badare al sodo"

Rileggendolo con il senno del poi, il suo biennio al Bari assume ancor più i connotati dell’impresa. Vincenzo Torrente (ex bandiera del Genoa da calciatore, nonché protagonista della favola Gubbio con il doppio salto dalla C2 alla B da allenatore) sulla panchina biancorossa centrò due salvezze (2011-13) in B malgrado un fardello prima di sei punti di penalità (nel primo torneo in Puglia), poi di sette (nel secondo). Dopo la separazione dal trainer di Cetara, i galletti hanno infilato la lunga altalena che poi ha condotto al fallimento della scorsa estate, mentre Torrente ha girato tra Cremonese, Salernitana, Vicenza e Sicula Leonzio, dove ha trascorso l’ultima stagione proprio nel gruppo meridionale di Lega Pro. Il mister campano illustra il cammino che affronterà il Bari.
Torrente, cosa c’è da aspettarsi?
«Quando sono arrivato alla Sicula Leonzio ero convinto di trovare un contesto tecnicamente valido. Invece, il girone C è contraddistinto dalla predisposizione alla battaglia. Molti sono i campi in cui è impossibile produrre gioco e sarà necessario indossare la tuta da operaio. Il Bari potrà provare a dare spettacolo al San Nicola, ma in trasferta spesso dovrà badare al sodo».
E sul piano ambientale che atmosfere si respirano?
«La passione meridionale è unica. Il Bari sarà atteso ovunque come un evento, sarà la squadra contro cui chiunque vorrà regalarsi l’impresa della vita. In tal senso, l’esperienza accumulata da Cornacchini e i suoi ragazzi in D sarà preziosa. Non saranno pochi i match in cui prevarrà il piano agonistico, magari con qualche provocazione e con i palloni che tardano a tornare in campo se c’è da difendere un risultato positivo».
Il mercato è solo all’inizio, ma il Bari chi dovrà temere?
«Catania, Catanzaro, Reggina e Avellino attrezzeranno formazioni ambiziose. Ma la società biancorossa è forte sul piano economico e ancor più su quello delle competenze. Ci sono tutte le componenti per vincere un torneo che nulla a che fare con la piazza barese».
Come vede le altre compagini appulo-pugliesi?
«Potenza, Monopoli e Francavilla hanno tutto per consolidare i percorsi avviati, ma con una concorrenza tanto qualificata è difficile pensare a qualcosa in più di un piazzamento playoff nella migliore delle ipotesi».
 Ha letto le prime trattative impostate dal Bari?
«Innanzitutto, la base è già buona: gente come Di Cesare o Floriano rappresenta assoluta garanzia. Per il resto, Kupisz e Frattali sono calciatori di categoria superiore, Corapi conosce la categoria come pochi, Ferrari sarebbe un gran colpo perché un centravanti con quel fisico fa la differenza. Così come Folorunsho del Francavilla sarebbe un ottimo investimento: un classe ‘98 che ha duttilità, corsa e un ottimo tiro. Penso, però, che il meglio del mercato del Bari debba ancora arrivare».
 Ma lei terrebbe uno come Brienza?
 «Potrebbe soffrire un po’ il tipo di campionato, ma lo terrei perché resta uno dei pochi a poter decidere un match con un’invenzione, una giocata a sorpresa, una punizione delle sue. E poi è un idolo: dopo tante sofferenze, la tifoseria barese ha bisogno di una figura come lui».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamli...

 
Bari calcio, Vivarini: «Con Ternana testeremo nostra crescita»

Bari calcio, Vivarini: «Con Ternana testeremo nostra cr...

 
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato...

 
Bari-Ternana, una lunga storia di ex

Bari-Ternana, una lunga storia di ex

 
Bari, parla l'ex Defendi: «Profumo di B al San Nicola»

Bari, parla l'ex Defendi: «Profumo di B al San Nicola»

 
Bari calcio, Sabbione: «Gol da centrocampo? Un tiro fortunato»

Bari calcio, Sabbione: «Gol da centrocampo? Un tiro for...

 
Bari, Vivarini ha i piedi per terra: «Tutto bene, ma si può fare di più»

Bari, Vivarini ha i piedi per terra: «Tutto bene, ma si...

 
Bari, prima vittoria al San Nicola: batte 4-0 la Cavese

Bari, prima vittoria al San Nicola: batte 4-0 la Cavese...