Sabato 06 Giugno 2020 | 04:32

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

L'ANALISI

La fine del purgatorio a due puntiBari, la matematica ti dà una mano

La fine del purgatorio a due punti
Bari, la matematica ti dà una mano

La trasferta a Troina può significare finalmente promozione in serie C

Una pratica da archiviare il prima possibile, senza indugio, sfruttando la prima occasione utile. Appena due punti separano il Bari dalla matematica promozione in serie C. Un bottino ampiamente alla portata dei galletti, con tre turni a disposizione. Attenzione, però. Perché gli avversari che attendono i pugliesi sono tanto agguerriti, quanto bisognosi di punti. Troina, Rotonda e Roccella: compagini ancora in lotta per i rispettivi obiettivi, con tanto da dire in questo rush finale. Si partirà domani con la trasferta a Troina: all’andata, i galletti faticarono maledettamente per aver ragione dei siciliani per i quali la gara del «San Nicola» si rivelò un autentico spartiacque. Incredibile, infatti, il rendimento della compagine della provincia di Caltanissetta: dopo la caduta in Puglia, il Troina ha perso soltanto un’al - tra volta, a Castrovillari, alla terza giornata di ritorno. Da allora, è cominciata una serie utile di undici turni consecutivi. Non solo, proprio dalla sconfitta con il Bari, i rossoblu hanno inanellato otto vittorie, sette pareggi ed un solo ko, per un totale di ben 31 punti che li hanno proiettati dalla piena retrocessione al quarto posto in solitudine, a tre gradini dal podio delimitato dal Marsala. Già l’attuale posizione, varrebbe l’accesso ai playoff che, però, il Troina vuole blindare, magari persino migliorando la collocazione in classifica. Dunque, un avversario da prendere con le molle, sull’ennesimo campo sintetico dalle dimensioni ridotte. Non ha mollato nemmeno il Rotonda. I lucani, dopo un’andata disastrosa chiusa da fanalino di coda, hanno cambiato radicalmente marcia: dopo il giro di boa sono arrivate ben sei vittorie e due pari, nonché sei sconfitte. Venti punti che tengono in vita le speranze salvezza: quattro le lunghezze di svantaggio da Città di Messina e Roccella. Un distacco che potrebbe persino ridursi se i lucani vinceranno il ricorso relativo al recupero con il Troina, nel quale i siciliani hanno sostituito un classe 2000 con un ‘99, venendo meno alla regola sugli under (che prevede contemporaneamente in campo almeno un ‘98, due ‘99 ed un 2000 o calciatori di anni di nascita inferiori, mai superiori). Se la passa decisamente peggio il Roccella che non vince dal 17 marzo (3-1 sul Portici) e negli ultimi quattro turni ha raccolto appena due punti. I calabresi sono già matematicamente condannati a disputare i play out, ma possono sia pensare a migliorare la loro posizione (sono quartultimi, ma a soli due punti dal Locri quintultimo), sia tenere le antenne dritte pur di evitare la retrocessione diretta (quattro lunghezze di margine sul Rotonda penultimo). Insomma, un percorso irto di ostacoli, senza dimenticare che la truppa di Giovanni Cornacchini giocherà due volte in trasferta (Troina e Roccella) dove ha accusato un rallentamento nel girone di ritorno, ed una sola volta al San Nicola. Scontato che i biancorossi posseggano armi e mezzi per essere superiori a qualsiasi rivale ed a qualunque difficoltà. Ma occorrerà la massima concentrazione per ottenere il riscontro matematico fin da domani. Un successo a Troina varrebbe la festa senza appello. Ma la sicurezza del primo posto nel girone I arriverebbe anche in caso di pari o sconfitta, qualora la Turris non dovesse centrare il blitz a Palmi. Nella fila baresi, sono indisponibili Di Cesare (squalificato) e Brienza (infortunato): rispetto al match di domenica scorsa con il Portici, l’unica novità potrebbe essere l’inserimento di Cacioli al centro della difesa al posto di Di Cesare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al c...

 
Lo sprint finale ora non piace più. Il Bari di nuovo sul piede di guerra

Lo sprint finale ora non piace più. Il Bari di nuovo su...

 
Bari, trent'anni e con più di un petalo sfiorito. Ora il San Nicola prepara la seconda vita

Trent'anni e più di un petalo sfiorito: buon compleanno...

 
Vincenzo Vivarini

Tamponi, test e sanificazione: il Bari pigia il tasto d...

 
Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e diri...

 
Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per i play off»

Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per ...

 
Bari, servirà un’estate di fuoco. I playoff con tante mine vaganti

Bari, servirà un’estate di fuoco. I play-off con tante ...

 
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di pers...