Lunedì 22 Aprile 2019 | 04:27

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

UN PIZZICO DI IRONIA

Ave Di Cesare, cento di questi magnifici tiri in porta

Ave Di Cesare, cento
di questi magnifici tiri in porta

Quando nel calcio succede di tutto anche risultati inattesi ed episodi sconcertanti si suol dire che accade perché la palla è rotonda. Come domenica lo stava diventando sul campo del Castrovillari quella del Bari una partita che stava per prendere una brutta piega. Volendo riferirsi per similitudine alla traviata che in questi giorni sta andando trionfale sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli poteva accadere che verso la fine della partita invece del Bari per la tredicesima volta vittorioso avrebbe brindato nei bicchieri di  carta no  ne lieti calici una modesta squadretta della Basilicata. Cioè il sorprendente Rotondo. Come la “Traviata” questa squadre avrebbe detto “Bari oggi o caro ti batteremo, uniti insieme festeggeremo” dove quell’insieme era riferito ai tifosi castro villani che si sono invece comportati da persone ben educate.
   Tutto questo mentre nella curva che ospitava i tifosi biancorossi continuava a sventolare come nulla fosse le solite bandiere e i soliti cartelli, come se nulla fosse anche per i nostri attaccanti per i quali giochi bene o male tanto alla fine quel gol anzi più di uno arriva sempre come é successo con il primo gol di Ciccio Brienza un gol che era di rigore dopo tanta attesa che ha spalancato finalmente le porte delle reti avversarie al  nostro più celebre calciatore e dopo?
   Una ripresa iniziata nel segno di una maledizione castrovillana Ha funzionato per i rotonda con la strana posizione assunta dal pur bravo  Martella sula punizione che ha assicurato il pareggio alla squadra di casa. Per fortuna il team della squadra de laurentina proprio sui titoli di casa si è piegata verso un lieto fine con l’inquadratura in primo piano di quel magnifico gol di Di Cesare, il conquistatore della Gallia e che ormai ha conquistato anche le simpatie di tutti tifosi dei Galletti.
   Scampato pericolo altra vittoria in tasca in attesa dei festeggiamenti di dolmenica allo Stadio Della Vittoria quando il titolo di campioni d’inverno sarà ufficialmente iscritto nella bacheca di questa giovane sorprendente squadra. Con tanti saluti dolmenica alla Turris il cui treno marcia penosamente con ben undici ore di ritardo sulla freccia biancorossa di  Cornacchini. E peggio potrebbe andare domenica per la squadra corallina ma per il momento ci fermiamo e alla prossima partita diremo festosamente nella presentazione di domenica.
    Venanzio Traversa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala che porta molto più in al...

 
Seguire la squadra un atto di fedeCiò che conta è guardare al futuro

Seguire la squadra un atto di fede Ciò che conta è guar...

 
La corazzata ha rispettato il pronosticoe ora la squadra per andare in serie B

La corazzata ha rispettato il pronostico e ora la squad...

 
Marfella, parate stratosferiche Simeri, motorino instancabile

Marfella, parate stratosferiche Simeri, motorino instan...

 
Risaliamo in C dopo 65 anniper la seconda volta

Risaliamo in C dopo 65 anni
per la seconda volta

 
Bari, trentacinque giornatein testa al campionato di serie D

Bari, trentacinque giornate in testa al campionato di s...

 
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 
"Il traguardo è ad un passo"Cornacchini non fa calcoli

"Il traguardo è ad un passo"
Cornacchini non fa calcoli