Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 17:50

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

Serie D

Bari calcio ultrà curva

Bari, un mese per la fuga

Il calendario sorride, c’è davvero la possibilità di blindare il primato

BARI - Un mese per tentare di fare il vuoto. Sarà un novembre ricco per il girone I della serie D. Oltre il match di domenica scorsa, altri quattro impegni sono in calendario, con il primo turno infrasettimanale della stagione. Sarà, a tutti gli effetti, il prologo per un dicembre altrettanto intasato (cinque match con un’altra giornata infrasettimanale) che chiuderà il girone d’andata. Le prossime gare, tuttavia, rappresentano un’occasione unica per un Bari che, oltre le indubitabili doti tecniche, sta dimostrando di aver trovato una certa sicurezza nel gioco. Una pericolante, una compagine nel limbo e due club ambiziosi sul cammino dei galletti.

Si comincerà domenica contro il Città di Messina, quart’ultimo ed in piena zona play out. Una sola vittoria per i siciliani, due pari e ben quattro sconfitte compongono uno score piuttosto misero con evidenti limiti in attacco (appena sei reti realizzate: peggior prima linea del girone). Più impegnativa sarà la trasferta a Castrovillari, in programma mercoledì 14 (si dovrebbe giocare alle 14,30) contro una compagine molto quadrata. Dieci, infatti, sono i punti raccolti, frutto di due successi, quattro pari ed una sola sconfitta: in perfetto equilibrio la differenza reti con sette centri realizzati ed altrettanti subiti.

Domenica 18, quindi, la truppa di Cornacchini ospiterà una delle formazioni più «misteriose» del raggruppamento: la Palmese. La squadra calabrese è l’unica che condivide con i biancorossi un connotato: l’imbattibilità. I punti sono 12 (valgono il quinto posto) e le affermazioni appena due, mentre i pareggi sono sei, senza nemmeno un ko. La Palmese è la classica avversaria scomoda: addirittura la metà degli incontri affrontati (quattro su otto) sono terminati 0-0. I sei gol segnati valgono il peggior attacco del torneo (in condominio con il Città di Messina), ma le reti subite sono soltanto quattro, appena una in più di quelle incassate dal Bari (miglior difesa con tre gol al passivo). Il mese si chiude con il viaggio con il temibile Gela, terzo con 14 punti (quattro vittorie, due pari, altrettanti ko). In questo caso è l’attacco il reparto da tenere d’occhio: i siciliani hanno segnato ben 19 gol, uno solo in meno dei biancorossi (che comandano in questo fondamentale con 20 reti).
Proseguire una marcia spedita potrebbe lanciare Brienza e compagni con le migliori credenziali allo scontro diretto con la Nocerina (il 2 dicembre) oggi principale inseguitrice a cinque lunghezze di distanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

"La Fc Bari non può essere salvata"E' fallita la società di Giancaspro

"La Fc Bari non può essere salvata" E' fallita la socie...

 
Il Bari festeggia i 111 anni di storiaguardando al futuro con ottimismo

Il Bari festeggia i 111 anni di storia guardando al fut...

 
"Sancataldese, chiudiamo questa parentesie prepariamo tranquillamente il match di Cittanova"

"Sancataldese, chiudiamo questa parentesi e prepariamo ...

 
"Complimenti alla sportività dei tifosi baresidiciamo no alla sudditanza psicologica"

«Complimenti alla sportività dei tifosi baresi: diciamo...

 
Scala: "Con una reazione cosìmeglio scegliere il silenzio"

Scala: "Con una reazione così meglio scegliere il silen...

 
Aloisi, passo da categoria superioreFloriano, assist per Neglia e gol vittoria

Aloisi, passo da categoria superiore Floriano, assist p...

 
La mani del Bari sulla serie Cdopo 100 minuti di passione

La mani del Bari sulla serie C dopo 100 minuti di passi...

 
Neglia e Floriano firmano la rimontaecco le immagini dei gol del Bari

Neglia e Floriano firmano la rimonta ecco le immagini d...