Lunedì 08 Agosto 2022 | 03:49

In Puglia e Basilicata

A Lecce donne al buio nei bagni pubblici di Settelacquare

13 Marzo 2009

Donne in castigo: al buio nei bagni pubblici. Una «sofferenza » al gentil sesso che sarebbe bastato poco per evitare. Nelle toilette che il Comune ha fatto costruire di recente a Settelacquare, non è stata allacciata ancora la corrente. Quindi, quando la donna entra nel bagno, non dotato di alcun finestrino, e si chiude dentro, non si vede più niente. E proteste sono giunte a «Pronto Gazzetta». 

«A questo punto, anche per evitare situazioni imbarazzanti - spiega il gestore delle pulizie, Gino Siculella - devo fare accomodare le donne nel bagno degli uomini e io mi assoggetto a fare la guardia fuori, nel caso dovesse entrare qualche maschietto». Ma non è tutto. 

I bagni pubblici di Settelacquare, una costruzione bassa di colore rossiccio in mezzo all’ampio piazzale, bombardata dai «graffiti» delle bombolette spray, non sono facilmente individuabili da chi ha un impellente bisogno fisiologico. A meno che non sia un esperto conoscitore della zona. Non esiste infatti nessun cartello che indichi la funzione alla quale è destinata la costruzione. «Potevano almeno riutilizzare il cartello che c’era in piazza Sant’Oronzo - osserva Siculella - Così non solo siamo al buio e al freddo, ma nessuno riesce a capire dove sono i nuovi bagni. Abbiamo fatto presente molte volte il problema al geometra del Comune, ma ci ha sempre risposto che stanno per provvedere». 

La situazione di crisi dell’illuminazione nelle toilette va avanti da circa tre mesi; da quando sono stati chiusi a fine dicembre i bagni in piazza Sant’ Oronzo. I due custodi, quello del turno di mattina, Siculella, e quello del pomeriggio, Fabio De Luca, sono stati trasferiti ai bagni del piazzale di Settelacquare. Dove, «purtroppo - dice Siculella - incontriamo molti disagi. Il movimento di fruitori è decisamente inferiore a piazza Sant’Oronzo, dove peraltro sono in arrivo molti turisti». 

E con la primavera alle porte, c’è da chiedersi: dove andranno per i bisogni fisiologici le migliaia di alunni in visita scolastica nel centro storico di Lecce? I vigili che presidiano piazza Sant’Oronzo indirizzano la gente nei bagni della villa comunale, in piazza delle Poste oppure in viale Marconi. Una situazione deficitaria che, per i bagni di Settelacquare, è stata segnalata a “Pronto Gazzetta” anche da un commerciante del vicino mercato. Da parte sua l’assessore ai Lavori pubblici, Severo Martini, è caduto dalle nuvole. «Non ero a conoscenza di questo problema della corrente elettrica. E’ chiaro che così i bagni non possono funzionare. Me ne occuperò io e darò le disposizioni opportune». 
ce. m.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725