Sabato 04 Luglio 2020 | 04:06

NEWS DALLA SEZIONE

Cultura e occupazione
Puglia, l'appello dei lavoratori dello spettacolo a Emiliano: «Sblocchi le risorse»

Puglia, l'appello dei lavoratori dello spettacolo a Emiliano: «Sblocchi le risorse»

 
Meteo
Maltempo, in arrivo vento forte e rischio temporali: allerta gialla in Puglia

Maltempo, in arrivo vento forte e rischio temporali: allerta gialla in Puglia

 
Enogastronomia salentina
Caprarica, riparte l’estate e torna in tavola sua maestà il tartufo salentino

Caprarica, riparte l’estate e torna in tavola sua maestà il tartufo salentino

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 223 nuovi contagi e 15 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 223 nuovi contagi e 15 morti nelle ultime 24 ore

 
verso il voto
Regionali, sindaco di Lucera si dimette per candidarsi

Regionali, sindaco di Lucera si dimette per candidarsi

 
Cultura e spettacoli
Bari, Lector in fabula prepara il format radio-televisivo

Bari, Lector in fabula prepara il format radio-televisivo

 
LA LETTERA
Regionali, Conte scrive ad Emiliano: «Urgono in Puglia norme per preferenza di genere»

Puglia, Conte scrive ad Emiliano: «Urgono norme per preferenza di genere». In Commissione il 15 luglio. Emiliano replica: «È mia priorità»

 
Dal 6 luglio
Università di Bari, ripartono le sedute di laurea in presenza: da settembre via anche gli esami

Università di Bari, ripartono le sedute di laurea dal vivo: presente anche il ministro Boccia

 
il futuro del siderurgico
Mittal Taranto, ministro Patuanelli: «Lo Stato c'è, l'azienda è remissiva»

Mittal Taranto, Patuanelli: «Lo Stato c'è, l'azienda è remissiva»

 
Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

Lecce calcio, Liverani: «Essere positivi per la salvezza»

 
Calcio serie C
Foggia, seconda in Italia per affluenza allo stadio

Foggia, seconda in Italia per affluenza allo stadio

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

Bari, incivili festeggiano a Largo Giannella: all'alba i resti del degrado

 
LecceEmergenza nel territorio
Le campagne in balìa delle bande. Maxi-furto sventato in extremis

Salento, le campagne in balìa delle bande: maxi-furto sventato in extremis

 
FoggiaIl salvataggio
Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

Tartaruga in difficoltà perde uova in mare: visitata nel centro di Manfredonia

 
MateraIl caso
Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

Matera, minaccia di morte la moglie poi va in questura con un taglierino: arrestato

 
Potenzasicurezza
Potenza, Tempa Rossa: «risultati analisi non concordanti»

Potenza, Tempa Rossa: «Risultati analisi non concordanti»

 
Tarantofase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
Brindisinel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
Batfase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 

i più letti

lo scandalo gay e la chiesa

Le lettere sugli abusi
«Io non le ho viste»

Il vescovo smentisce. Qualcuno le avrebbe cestinate

 Le lettere sugli abusi «Io non le ho viste»

di Pino Perciante

«Nulla è mai giunto alla curia o a me», sottolinea il vescovo di Tursi – Lagonegro, Vincenzo Orofino, all’indomani dell’articolo apparso sul nostro giornale in cui si riferisce di alcune lettere anonime inviate alla curia della diocesi per denunciare abusi sessuali commessi da un monsignore. «Non è mai arrivata alcuna lettera di questo genere», ribadisce il presule interpellato telefonicamente. In realtà, la Gazzetta sa che le lettere sono state certamente inviate alla curia: resta da stabilire chi è che le ha ricevute, chi le ha lette e che fine hanno fatto. Il vescovo viene a Lagonegro solo saltuariamente. Forse sono state sottovalutate, anche perché anonime, e quindi cestinate da chi gliele doveva consegnare.

Ma ora, alla luce del dossier depositato nei giorni scorsi alla curia di Napoli dall’escort Francesco Mangiacapra, quelle lettere tornano a galla e assumono un altro peso e un altro significato.

Tanto che lo stesso vescovo «onde favorire l’accertamento della verità» rivolge un appello «a chiunque fosse a conoscenza o in possesso delle lettere di portarle in curia per permettere ai competenti uffici diocesani di compiere il proprio dovere».

Quello che farà la Gazzetta in quanto è in possesso di una copia degli scritti. Sul fronte del dossier sulla rete di preti gay consegnato alla curia partenopea da Mangiacapra monsignor Orofino, «in modo del tutto precauzionale, ha già incontrato singolarmente i sacerdoti i cui nomi sarebbero citati nel dossier e apparsi, a vario titolo sulla stampa».

Lo ha annunciato la stessa curia di Tursi, precisando che «ad oggi, nessuna copia del «dossier Mangiacapra» è stato trasmesso alla curia di questa diocesi.

Solo lo studio attento e competente del «dossier» - è stato spiegato - potrà far emergere eventuali responsabilità e permettere alle autorità ecclesiastiche di prendere le decisioni più opportune, secondo le vigenti norme della Chiesa».

 Infine, la nota della diocesi parla di «momento di particolare sofferenza morale e spirituale» e di una comunità diocesana «profondamente turbata nel sentire religioso».

Il dossier consegnato da Mangiacapra nella cancelleria della curia partenopea contiene le prove di presunti casi di omosessualità nei quali sarebbero coinvolti sacerdoti, religiosi e seminaristi di alcune diocesi italiane.

Milleduecentosettantasei pagine con nomi e cognomi più video e chat. Tra le persone coinvolte ci sarebbero anche quattro sacerdoti della diocesi di Tursi - Lagonegro e uno di quella di Tricarico. Nessun reato, va precisato, nessun caso di violenza sessuale o pedofilia ma è comunque una vicenda che imbarazza la Chiesa. «Non si tratta di accuse – spiega Mangiacapra - perché non ci sono reati penali e non si tratta di considerare l’omosessualità di qualcuno alla stregua di un crimine.

Si tratta di sollecitare queste persone a fare un mea culpa relativo alla compatibilità tra il colletto bianco che si indossa e la condotta che si incarna». Nessun intento punitivo o ricattatorio. L’eventuale riduzione allo stato laicale delle persone coinvolte «non va visto come una punizione, ma come la possibilità di riflettere sull’incoerenza tra quanto si dice in pubblico e ciò che si fa nel privato.

Non c’è nulla di inventato nella documentazione - tiene a precisare - sono fatti circostanziati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie