Giovedì 25 Aprile 2019 | 11:48

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

 
La decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
Dai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
L'intervista
Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

 
Omicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite FOTO

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, suona il violino mentre la operano per un tumore al cervello

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
LecceAperta inchiesta
Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

lo scandalo gay e la chiesa

Le lettere sugli abusi
«Io non le ho viste»

Il vescovo smentisce. Qualcuno le avrebbe cestinate

 Le lettere sugli abusi «Io non le ho viste»

di Pino Perciante

«Nulla è mai giunto alla curia o a me», sottolinea il vescovo di Tursi – Lagonegro, Vincenzo Orofino, all’indomani dell’articolo apparso sul nostro giornale in cui si riferisce di alcune lettere anonime inviate alla curia della diocesi per denunciare abusi sessuali commessi da un monsignore. «Non è mai arrivata alcuna lettera di questo genere», ribadisce il presule interpellato telefonicamente. In realtà, la Gazzetta sa che le lettere sono state certamente inviate alla curia: resta da stabilire chi è che le ha ricevute, chi le ha lette e che fine hanno fatto. Il vescovo viene a Lagonegro solo saltuariamente. Forse sono state sottovalutate, anche perché anonime, e quindi cestinate da chi gliele doveva consegnare.

Ma ora, alla luce del dossier depositato nei giorni scorsi alla curia di Napoli dall’escort Francesco Mangiacapra, quelle lettere tornano a galla e assumono un altro peso e un altro significato.

Tanto che lo stesso vescovo «onde favorire l’accertamento della verità» rivolge un appello «a chiunque fosse a conoscenza o in possesso delle lettere di portarle in curia per permettere ai competenti uffici diocesani di compiere il proprio dovere».

Quello che farà la Gazzetta in quanto è in possesso di una copia degli scritti. Sul fronte del dossier sulla rete di preti gay consegnato alla curia partenopea da Mangiacapra monsignor Orofino, «in modo del tutto precauzionale, ha già incontrato singolarmente i sacerdoti i cui nomi sarebbero citati nel dossier e apparsi, a vario titolo sulla stampa».

Lo ha annunciato la stessa curia di Tursi, precisando che «ad oggi, nessuna copia del «dossier Mangiacapra» è stato trasmesso alla curia di questa diocesi.

Solo lo studio attento e competente del «dossier» - è stato spiegato - potrà far emergere eventuali responsabilità e permettere alle autorità ecclesiastiche di prendere le decisioni più opportune, secondo le vigenti norme della Chiesa».

 Infine, la nota della diocesi parla di «momento di particolare sofferenza morale e spirituale» e di una comunità diocesana «profondamente turbata nel sentire religioso».

Il dossier consegnato da Mangiacapra nella cancelleria della curia partenopea contiene le prove di presunti casi di omosessualità nei quali sarebbero coinvolti sacerdoti, religiosi e seminaristi di alcune diocesi italiane.

Milleduecentosettantasei pagine con nomi e cognomi più video e chat. Tra le persone coinvolte ci sarebbero anche quattro sacerdoti della diocesi di Tursi - Lagonegro e uno di quella di Tricarico. Nessun reato, va precisato, nessun caso di violenza sessuale o pedofilia ma è comunque una vicenda che imbarazza la Chiesa. «Non si tratta di accuse – spiega Mangiacapra - perché non ci sono reati penali e non si tratta di considerare l’omosessualità di qualcuno alla stregua di un crimine.

Si tratta di sollecitare queste persone a fare un mea culpa relativo alla compatibilità tra il colletto bianco che si indossa e la condotta che si incarna». Nessun intento punitivo o ricattatorio. L’eventuale riduzione allo stato laicale delle persone coinvolte «non va visto come una punizione, ma come la possibilità di riflettere sull’incoerenza tra quanto si dice in pubblico e ciò che si fa nel privato.

Non c’è nulla di inventato nella documentazione - tiene a precisare - sono fatti circostanziati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400