Martedì 09 Agosto 2022 | 23:04

In Puglia e Basilicata

Riecco Cito, l'ex sindaco appoggia il Pdl (a Bari, Brindisi e Taranto)

BARI - L'ex sindaco di Taranto, Giancarlo Cito, leader di At6-Lega d’azione meridionale, alle prossime amministrative presenterà proprie liste (nelle circoscrizioni, al Comune e alla Provincia) a Bari, Brindisi e Taranto e appoggerà i candidati del Pdl. Lo ha ufficializzato lo stesso Cito a Bari durante l’assemblea provinciale organizzativa di At6-Lega d’azione meridionale.
Poli Bortone presenta Movimento del Sud: bagno di folla

08 Marzo 2009

BARI - Rieccolo! Il fisico non e' piu' quello di una volta quando, da sindaco-sceriffo, andava in giro per le strade di Taranto a riparare in diretta tv le buche nell’asfalto o per dare la caccia agli automobilisti indisciplinati. Ma è bastata la notizia del ritorno in politica di Giancarlo Cito, per far balzare dalla sedia più d’un politico e molti suoi sostenitori.



L'energico leader di At6-Lega d’azione meridionale si è presentato oggi alla convention di Bari per ufficializzare che il suo movimento alle amministrative si schiererà con il Pdl a Bari, Brindisi e Taranto. Cito presenterà proprie liste in circoscrizioni, Comuni e Province ma non si candiderà perchè – spiega – "alle amministrative non si può presentare chi non ha finito di scontare le pene accessorie; al Parlamento italiano ed europeo – improvvisa citando a memoria la legge – si può invece candidare anche chi queste pene accessorie le sta scontando".


Sui contatti politici avuti fin d’ora si vanta di incontrare "quasi ogni settimana, al ministero o a Maglie, il ministro per gli Affari Regionali, Raffaele Fitto". "Persona in cui credo – confessa – perchè è giovanissimo, è un ministro e siamo orgogliosi perchè rappresenta la Puglia".


Di programmi al momento non parla. "Dovrei scrivere un’enciclopedia – argomenta – ma quello che voglio dire alla gente è che At6 vuole contribuire a risanare un territorio, un’intera nazione che oggi è afflitta da un crisi economica grave". 

Ovviamente la sicurezza è fra le priorità. "Già nel 1995 – ricorda – giravo per tutta la notte e fino alle 4 del mattino con i vigili urbani per le strade di Taranto. Lo sapete cosa successe quell'anno? Che Taranto fu l’unica città in cui non ci fu neppure uno scippo. Perchè, è bene che si sappia, sono io che ho inventato le ronde!".

Poi arrivarono gli anni bui: Cito, ormai ex deputato, fu condannato a quattro anni per concorso esterno in associazione mafiosa e finì in carcere. Fu scarcerato il primo marzo 2007 e da allora è tornato nell’agone politico. 

"Sento – polemizza Cito – che molti politici parlano ora del Sud e mi chiedo: dov'erano quando parlavamo noi del Meridione? Dov'erano quando noi andammo a Venezia a protestare con la Lega Nord?".

Mezzogiorno a parte, Cito non esita a lanciare una stoccata al sindaco di Bari, Michele Emiliano: "In cinque anni – dice – non ha mai parlato del Mezzogiorno nè di Bari. Continua a parlare della riapertura del Petruzzelli e non della gente che sta morendo di fame. Ad Emiliano voglio solo dire che non è mica scontata la sua rielezione a primo cittadino".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725