Domenica 14 Agosto 2022 | 11:54

In Puglia e Basilicata

A Lagopesole difficile morire per mancanza di loculi si emigra

LAGOPESOLE - È anche difficile morire a Lagopesole. Per la mancanza di loculi cimiteriali, le famiglie su cui si abbattono le perdite affettive, oltre al dolore per la scomparsa del caro, si dovranno anche fare carico di ricercare un loculo nel quale poter tumulare la salma.

07 Marzo 2009

di ANTONIO PACE


LAGOPESOLE - È anche difficile morire a Lagopesole. Per la mancanza di loculi cimiteriali, le famiglie su cui si abbattono le perdite affettive, oltre al dolore per la scomparsa del caro, si dovranno anche fare carico di ricercare un loculo nel quale poter tumulare la salma. Questo problema, per la verità, si trascina gia da molto tempo, perché i loculi fatti costruire dal Comune intorno agli anni '60 si sono immediatamente esauriti, cosi come si sono esauriti i terreni su cui poter costruire le cappelle private.

 I cittadini non sanno più come tumulare i loro cari. Qualcuno, in caso di morte improvvisa di un proprio familiare, si rivolge a qualche proprietario amico che gli «presta» il loculo in attesa che il Comune costruisca loculi nuovi; altri, invece sono costretti a far tumulare le salme nel cimitero di Avigliano, che com'è noto dista circa 20 chilometri da Lagopesole. 

Altri ancora sono costretti ad emigrare nel comune di Filiano, con tutte le conseguenze che questo comporta in termini di permessi, perdite di tempo e costi aggiuntivi. Eppure al Comune di Avigliano, sin dal 1990 sono giacenti circa 300 domande di impegno di acquisto o concessione trentennale di loculi, ma, pare che una serie di impedimenti burocratici abbiano bloccato il bando di concorso per la costruzione di circa 1.100 loculi.


«Un progetto - ha assicurato l’assessore ai lavori pubblici, Donato Lacerenza - per l’ampliamento del perimetro e per la costruzione di 1080 loculi è pronto. È giunta anche la conferma - ha assicurato l’assessore Lacerenza - di localizzazione da parte dell’apposito dipartimento regionale, quindi, appena dopo l’approvazione del bilancio comunale saremo in grado di pubblicare il bando. Credo, che i lavori di ampliamento - ha concluso l’assessore Lacerenza - potranno partire agli inizi del prossimo mese di aprile, considerato anche che occorrono i tempi tecnici per poter disporre il bando e il successivo avvio dei lavori».

 Non ci dovrebbero essere ulteriori intoppi, perché si tratta di lavori autofinanziati, in quanto i cittadini anticiperanno almeno la metà della somma necessaria per la costruzione dei loculi al momento della presentazione delle domande e che salderanno gli importi prima della fine dei lavori stessi. Si tratta però di vedere che cosa prevede il regolamento, ma, in linea di massima, secondo le passate esperienze non dovrebbe discordarsi di molto la modalità di pagamento. Si presume che entro la metà del prossimo anno l’ampliamento del cimitero di Lagopesole possa essere completato e si potrà mettere fine a tutte le lamentele dei cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725