Mercoledì 17 Agosto 2022 | 18:09

In Puglia e Basilicata

Petruzzelli chiuso? Emiliano: «Se Berlusconi sapesse...»

Petruzzelli chiuso? Emiliano: «Se Berlusconi sapesse...»
BARI - In attesa del deposito dello studio sulla resistenza al fuoco del solaio superiore del foyer il sindaco di Bari, Michele Emiliano, chiede che la fondazione venga l’autorizzata ad entrare nel Petruzzelli. Poi aggiunge: ''Io sono certo che se Silvio Berlusconi conoscesse nel dettaglio la storia del Petruzzelli sarebbe già intervenuto e avrebbe già consentito l’apertura del teatro". 

05 Marzo 2009

BARI - In attesa del deposito dello studio sulla resistenza al fuoco del solaio superiore del foyer, cosa che dovrebbe avvenire il 18 marzo prossimo, il sindaco di Bari, Michele Emiliano, chiede che la fondazione venga l’autorizzata ad entrare nel Petruzzelli per poter allestire le scene della Turandot per la prima del 21 marzo.

 E’ l'appello che Emiliano ha rivolto al commissario delegato alla ricostruzione, Angelo Balducci, nel corso di una conferenza stampa.


Il primo cittadino ha anche proposto al commissario una seconda soluzione: se lo studio non dovessere essere consegnato in tempo – ha detto – "ci faccia entrare ugualmente, darò io l'autorizzazione raddoppiando il numero dei vigili del fuoco previsto dalla legge e vietando l’utilizzo del piano superiore di calpestio del foyer, unica prescrizione che ci potrebbe essere imposta dalla commissione di vigilanza sui pubblici spettacoli".

 "Questo lo faccio – ha concluso – perchè, così come ha sottolineato oggi la commissione, il teatro è sicuro ed è perfettamente corrispondente al progetto".


Il sindaco ha ricordato che il provvedimento di consegna del teatro sarebbe un gesto di "buona fede" e la prova che dietro il rinvio dell’apertura (inizialmente prevista dal Comune per il 6 dicembre 2008) da parte del ministero dei Beni culturali "non c'è alcun disegno".

''Io sono certo - ha poi detto Emiliano - che se Silvio Berlusconi conoscesse nel dettaglio la storia del Petruzzelli sarebbe già intervenuto e avrebbe già consentito l’apertura del teatro". 

"Lo dico – ha detto il primo cittadino e segretario pugliese del Pd – con la consapevolezza di chi sa di poter far irritare qualcuno dalle mie parti". "Berlusconi – ha aggiunto – non potrebbe mai accettare di creare ulteriori problemi alla riapertura del teatro, perchè è una di quelle stupidaggini che un uomo come lui non farebbe mai".


Il sindaco ha sottolineato di essere "molto preoccupato" dal fatto che, poichè il teatro è pronto ed è a tutti gli effetti un immobile completo, "c'è il rischio che possa essere considerato privo di assicurazione, poichè la società costruttrice ha una polizza su un cantiere che ora è solo virtuale". Emiliano ha inoltre spiegato che durante il sopralluogo di oggi ci si è accorti che "la polvere sta compromettendo le stoffe e i velluti" e ha rimarcato che "il teatro è custodito malissimo perchè la notte c'è una sola persona".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725