Sabato 13 Agosto 2022 | 12:25

In Puglia e Basilicata

Ginosa, il litorale pieno di alghe pulito con fondi della Provincia

Subito a disposizione un milione e 400mila euro per approntare un piano di intervento pluriennale e un vertice a Bari per affrontare l'emergenza che rischia di compromettere, non solo nel Tarantino, la stagione balneare (foto)

05 Marzo 2009

alghe su litorale tarantinodi ANTONELLA DE BIASI

GINOSA. Un milione e 400mila euro circa saranno stanziati dalla Provincia e l’Ato provvederà ad appontare un Piano Pluriennale di intervento, per gestire le alghe anche in futuro. Se ne è parlato a Bari, presso l’Ufficio regionale Ambiente, durante un incontro voluto dall’Ato 1. Alla riunione, hanno preso parte, tra gli altri, l’assessore ai Lavori pubblici Vincenzo Di Canio per il Comune di Ginosa e per Castellaneta, l’assessore Forte, oltre all’ing. Mauro De Molfetta per l’Ato. 

Categorica la richiesta della Regione: la Provincia stanzierà le risorse e l’Ato dovrà proporre, entro una settimana, un Piano pluriennale di intervento per essere in grado di poter gestire eventuali spiaggiamenti della posidonia nei prossimi anni. Se, infatti, nell’immediato, per non perdere ulteriore tempo, probabilmente si provvederà a raccogliere le alghe e a portarle in discarica, con la disponibilità di un Piano Pluriennale, all’evenienza, in caso di altri spiaggiamenti, le alghe potrebbero essere utilizzate in modo alternativo. 

Disponibilità economica garantita quindi per risolvere il problema, dall’assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva: arriveranno 315mila euro quali fondi rivenienti dal Programma regionale per la tutela dell’ambiente, quali residui dai fondi per la pulizia dei fondali marini, più un milione 80mila euro, come fondi rivenienti dal già citato Programma regionale, per un totale di 1 milione e 400mila euro circa. 
alghe su litorale tarantino
«A questa somma, va eventualmente aggiunta la quota parte di fondi spettante alla Provincia di Taranto del Piano triennale per l’ambiente, per la quale la Regione non ha fatto ancora la necessaria ripartizione - ha spiegato Di Canio - ma si prevede che saranno circa 400mila euro, arrivando, complessivamente, ad una disponibilità di circa 1 milione ed 800mila euro». 

L'Ato aveva stimato, per 35 Km di costa interessata dal fenomeno «Posidonia», una spesa di circa 2milioni 600mila euro. Di questi, 600mila da utilizzare per la raccolta delle alghe e 2 milioni di euro per lo smaltimento in discarica. 
«Esiste già una comunicazione dell’Arpa del 1° dicembre scorso, che identifica le alghe come rifiuti da destinare a discarica - hanno spiegato in sede di riunione -. Diverso sarebbe se le si volesse utilizzare in impianti di compostaggio. Esiste, infatti, un decreto, il 217 del 2006, che stabilisce che soltanto per progetti sperimentali le alghe possono finire in impianti di compostaggio». 
alghe su litorale tarantino
Alla luce dei costi elevati di smaltimento in discarica, l’assessore ginosino Di Canio, come tra l’altro richiesto nei requisiti di attribuzione della Bandiera Blu, ha avanzato la proposta di poter utilizzare quelle alghe in spiaggia per rafforzare le barriere dunali a Marina di Ginosa di circa 2 km. Si creerebbero, così, cordoni dunali di posidonia mista a sabbia, che andrebbero ad irrobustire la duna stessa. Se ciò, però, sarebbe ottimale per Marina di Ginosa, che, tra dune e pre dune, ha un arenile profondo tra i 50 e 100 metri, per una lunghezza di circa 7 km, per Castellaneta Marina ci sarebbero un po' di problemi perché l’arenile a disposizione dei bagnanti è più ristretto. Prossimo passo una conferenza dei servizi, che approvi il Piano di smaltimento e utilizzo alternativo. Una volta pronto il Piano pluriennale dell’Ato, in sede di conferenza occorrerà discuterne ed approvarlo. Poi, dice Conserva, occorrerà solo un’intesa tra Ato e Provincia con quest’ultima che trasferisce le risorse all’Ato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725