Mercoledì 17 Agosto 2022 | 07:35

In Puglia e Basilicata

Nel Foggiano torna l'antico rito de «la sega della vecchia»

03 Marzo 2009

di ANTONIO MONACO 

S. MARCO LA CATOLA - Il passato che diventa cultura e si proietta nel futuro, fino a diventare una scommessa su cui, a San Marco La Catola, sono in molti a voler puntare. La tradizione che attraversa il tempo, resiste nei secoli di storia e arriva ai giorni nostri intatta e carica di suggestione. Un sapere che appartiene al mondo e che qui, nel cuore del Preappennino dauno settentrionale, diventa motivo di impegno e di discussione. Per scoprire e capire l’universo contadino coeso e intimo, capace di unire, attraverso una sorta di filo rosso, realtà geografiche distanti e diverse. 

L’antico rito de Sega la vecchia si rinnova dalle parti di San Marco La Catola, grazie al lavoro della Pro loco, decisa fino in fondo a valorizzare una tradizione custodita tra le pieghe della civiltà contadina, che contempla il passaggio tra il tempo del carnevale e quello della quaresima, in una forma di teatro popolare rappresentato, originariamente, tra le mura domestiche. Il rito de “a vecchij” andrà in scena sabato 14 marzo, a partire dalle 21. Teatro del folklore allo stato puro sarà il dedalo di viuzze del vecchio borgo di San Marco. Durante la manifestazione sarà di scena il gruppo di musica popolare Teretùppete. Il giorno dopo, domenica 15 marzo, alle ore 16, la Pro loco, in collaborazione con il Comune, l’Università di Foggia e l’Amministrazione provinciale, si svolgerà il terzo convegno sul tema “La terra che si rinnova: religiosità arcaica nel folklore contemporaneo”. 

All’incontro, nella sala convegni dell’edificio scolastico, è prevista la partecipazione del sindaco, Matteo Fascia, dell’assessore provinciale al turismo, Nicola Vascello, di Patrizia Resta, ordinaria di Antropologia culturale presso l’Università di Foggia che parlerà delle “Immagini in movimento: impressioni visuali sulla festa”. Mentre Paolo Apolito, docente di Antropologia culturale sempre dell’Ateneo di Foggia, parlerà de “Le feste, le comunità e il mutamento: ripensamento della cultura tradizionale nella modernità”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725