Venerdì 19 Ottobre 2018 | 12:56

NEWS DALLA SEZIONE

Svolta nelle indagini
Pizzaiolo di Gravina uccisoa Ravenna: fermato straniero

Pizzaiolo di Gravina ucciso
a Ravenna: fermato straniero

 
L'ordinanza del sindaco
Matera, stop all'acqua potabile: «E' inquinata». Scuole chiuse

Matera, stop all'acqua potabile: «E' inquinata». Scuole chiuse Vd: in ...

 
Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, presa banda di rapinatori: violenza su un tabaccaio

 
Operazione Ragnatela
Bari, blitz della Finanza contro usurai: 5 arresti, sequestrati beni

Bari, blitz della Gdf contro clan usurai Capodiferro: 5 arresti Vd

 
La previsioni
Meteo, ultimo week end mite:da lunedì freddo e pioggia

Meteo, ultimo week end mite:
da lunedì freddo e pioggia

 
Sanità & risparmi
Puglia, mistero appalti centralizzati: ferma la gara sulla ristorazione

Puglia, mistero appalti centralizzati: ferma la gara sulla ristorazion...

 
Il caso
Migranti, Calimera offre ospitalitàsindaco Riace. Lega: spot a illegalità

Migranti, Calimera offre ospitalità sindaco Riace. Lega: spot a illega...

 
Dopo l'ictus
Negramaro, Lele lascia ospedale: andrà a Roma per la riabilitazione

Negramaro, Lele lascia ospedale: andrà a Roma per riabilitazione

 
la tragedia di Andria
Scontro treni, il gup chiama in causail Ministero e la Ferrotramviaria

Scontro treni, gup chiama in causa il Ministero e la Ferrotramviaria

 
UN detenuto
Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di supposta

Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di s...

 
L'omicidio
Pastore ucciso nel Materano: scarcerato presunto mandante

Pastore ucciso nel Materano: presunto mandante scarcerato dopo 11 mesi

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

al quartiere Libertà

Giornalista Rai aggredita a Bari
intervistava moglie di un boss

Giornalista Rai aggredita a Bariintervistava moglie di un boss

di Isabella Maselli

BARI - Voleva intervistare la moglie di un boss ma oltre al rifiuto ha ricevuto un violento schiaffo che l'ha fatta finire al pronto soccorso. È accaduto a una giornalista oggi pomeriggio a Bari, a poche decine di metri dalla parrocchia del Redentore dove proprio stamattina don Luigi Ciotti di Libera ha tenuto un incontro con gli studenti. Vittima dell’aggressione l’inviata del Tg1 Mariagrazia Mazzola.

A schiaffeggiarla la moglie di Lorenzo Caldarola, la 44enne Monica Laera. La vittima ha raccontato di essere stata aggredita per il solo fatto di aver chiesto una intervista sulla storia criminale di alcuni componenti della famiglia Caldarola. La signora Laera, però, tramite i suoi legali, gli avvocati Giancarlo Chiariello e Attilio Triggiani, ha fatto sapere di aver solo allontanato la giornalista per un braccio dopo averla ripetutamente pregata di andare via perché in lutto.

La cronista, accompagnata da don Francesco Preite, parroco del Redentore, ha dovuto far ricorso alle cure mediche. «Non sono stata insistente, piuttosto anglosassone, ma sono stata aggredita con un pugno-schiaffo sulla guancia sinistra», ha detto la giornalista del Tg1. «Viva la stampa libera», ha aggiunto. La giornalista indossava microcamere nascoste che, quindi, hanno immortalato i momenti dell’aggressione.

Nel pronto soccorso del Policlinico, dove è stata sottoposta a numerosi accertamenti clinici che non hanno rilevato lesioni gravi, si sono recati prima il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, poi il pm di turno Baldo Pisani, gli agenti della Squadra Mobile che conducono le indagini e rappresentanti dell’associazione Antimafia Libera, che ha definito l'aggressione «un atto vile e violento».

Il penalista barese Michele Laforgia ha lanciato la proposta di una marcia nel quartiere Libertà domenica prossima e ha parlato di «atto gravissimo che avvicina Bari a Ostia», ricordando l’aggressione subita nel novembre scorso da un giornalista nella città laziale ad opera di un pregiudicato locale.

«Aggressione inaccettabile» è stata definita dal cdr di Tg1, Assostampa Puglia, Usigrai e Fnsi, mentre presidente e direttore generale della Rai hanno parlato di «un tentativo di intimidazione dell’informazione del servizio pubblico che non può essere tollerato». Per Rosy Bindi, presidente della commissione parlamentare antimafia, «le mafie non tollerano chi informa l’opinione pubblica raccontando la realtà criminale del Paese», definendo «l'informazione e i giornalisti d’inchiesta alleati preziosi nella battaglia contro la criminalità organizzata», mentre il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha parlato di «attacco alla democrazia».

Sull'episodio sono intervenuti il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e il sindaco di Bari, Antonio Decaro. Il primo ha evidenziato che «chi si è reso protagonista di una simile violenza deve sapere che ha contro tutta la comunità pugliese», mentre Decaro ha assicurato che «non voltiamo la testa dall’altra parte. Quel quartiere si chiama Libertà e deve essere liberato dalla criminalità organizzata».  

----------------------

IL PRESIDENTE E IL DIRETTORE DELLA RAI -  Il presidente e il direttore generale della Rai, Monica Maggioni e Mario Orfeo, condannano fermamente l'aggressione subita dall’inviata del Tg1 Mariagrazia Mazzola a Bari mentre svolgeva il suo lavoro di cronista.

«Si tratta di un tentativo di intimidazione dell’informazione del servizio pubblico che non può essere tollerato in alcun modo: la libertà di stampa è uno dei cardini di ogni matura democrazia e il lavoro dei giornalisti è fondamentale in questo senso. Alla collega Mazzola vanno i nostri auguri di pronta guarigione e il sostegno di tutta la Rai», affermano il presidente e il dg Rai.

BOLDRINI - «Tutta la mia solidarietà alla giornalista Mariagrazia #Mazzola aggredita mentre svolgeva il suo lavoro realizzando un’inchiesta sulla mafia a #Bari. Il mio sostegno al #giornalismo al servizio della #legalità». Lo scrive su Twitter la Presidente della Camera ed esponente di Liberi e Uguali Laura Boldrini.

GENTILONI -  Il premier Paolo Gentiloni si è informato, a quanto si apprende, con il Direttore del Tg1 sulle condizioni della giornalista Maria Grazia Mazzola esprimendo solidarietà e condanna per la brutale aggressione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400