Mercoledì 28 Settembre 2022 | 01:41

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

CALCIO/Lecce sconfitto a Udine Salentini ormai verso la serie B

CALCIO/Lecce sconfitto a Udine Salentini ormai verso la serie B
Nel 26° turno della serie A, finisce 2-0. Espulso Ariatti sull'1-0. Reclamato un rigore dai salentini, ora penultimi in classifica
• Beretta: «Su Papa Waigo era fallo»
• I risultati dalla Iª Divisione alla D
• Pallamano: Coppa al Conversano 
• Basket: Taranto seppellisce Como
• Tennis: Pennetta battuta da Venus

01 Marzo 2009

Udinese-LecceUDINESE-LECCE 2-0 (0-0 nel primo tempo)

UDINESE (4-3-3): Belardi 6, Zapata 6.5, Coda 6.5, Felipe 6.5, Lukovic 6, Isla 5 (1' st D’Agostino 6.5), Inler 6, Asamoah 7, Pepe 5 (25' st Di Natale 6), Floro Flores 5.5, Sanchez 6.5 (41' st Pasquale 6) (12 Koprivec, 99 Sala, 18 Zimling, 5 Obodo). All: Marino 6
LECCE (3-5-2): Benussi 5, Schiavi 6, Fabiano 5.5, Esposito 5.5, Angelo 6, Munari 6, Edinho 5.5 (19' st Zanchetta 5.5), Caserta 5.5 (15' st Vives 5), Ariatti 5, Papadopoulos 5 (39 st’ Papa Waigo sv), Tiribocchi 5 (1 Rosati, 2 Stendardo, 25 Konan, 40 Giuliatto). All: Beretta 5
Arbitro: Velotto di Grosseto 6
Reti: nel st 30' D’Agostino, 49' Pasquale
Recupero: 2' e 4'
Angoli: 8 a 2 per l’Udinese
Ammoniti: Edinho, Lukovic, Tiribocchi, Esposito e Munari per gioco falloso; Vives per proteste
Espulsi: nel st 33' Ariatti per fallo su Sanchez
Spettatori: 12.000

*** I GOL
30' st – Punizione perfetta di D’Agostino. Il pallone aggira la barriera e si insacca alla destra di Benussi.
49' st – Pasquale scende sulla sinistra, entra in area e tira. Benussi non trattiene. Due a zero.

UDINE - L'Udinese batte 2-0 il Lecce, fa un passo sensibile verso la salvezza e condanna i salentini alla probabile retrocessione. È successo tutto nella ripresa, dopo un primo tempo quasi inguardabile. Gli innesti di D’Agostino e Di Natale hanno dato quella marcia in più che ha scosso la squadra e permesso una vittoria che, se messa assieme a quella contro il Lech Poznan in coppa Uefa, può far parlare di crisi definitivamente superata e di ripresa per i friulani. Il Lecce è apparso troppo rinunciatario e quando avrebbe dovuto cercare di fare di più Ariatti si è fatto espellere per un brutto fallo su Sanchez e per l’Udinese tutto è stato più facile e semplice. Beretta ha provato con Papa Waigo, ma senza risultati. Solo un rigore invano invocato per un presunto fallo di Felipe.

La partita comincia con due squadre intente più a non farsi male che ad attaccare. Così il gioco staziona a centrocampo, con passaggi corti, spesso all’indietro, con il pubblico che si spazientisce. I friulani non riescono mai ad aggirare la difesa del Lecce che per contro si difende con ordine. Floro Flores, Sanchez e Pepe non vedono la porta, mentre gli avversari si limitano ai contropiede affidati a Tiribocchi e Papadopoulos. Non succede nulla. Marino non riesce a spronare i suoi, mentre Beretta si limita a dare ordini sul contenimento delle manovre. Tiribocchi di testa impegna Belardi, mentre Zapata tira alto sulla traversa. Il tempo si chiude stancamente con un colpo di testa di Coda che va lentamente fuori.

Nella ripresa cambia tutto. D’Agostino, inserito al posto di uno spento Isla, incomincia a tessere le trame giuste e a lanciare in profondità Floro e Sanchez. Poi Di Natale entra per Pepe. Per contro il Lecce cala e la ragnatela di centrocampo che aveva retto nel primo tempo lentamente si gretola. Il gol arriva proprio alla mezz'ora. E’ una invenzione di D’Agostino su punizione. Forse Benussi non piazza bene la barriera tanto che il pallone entra sul suo palo. L’Udinese prende coraggio e incomincia a macinare. La partita rimane su standard modesti ma i padroni di casa manovrano con maggiore intensità. Sanchez e Di Natale sono due spine nel fianco della difesa del Lecce. La squadra di Beretta punta tutto sulle palle lunghe per Papa Waigo e Tiribocchi, ma Felipe e compagni fanno buona guardia. Il raddoppio arriva al 49' con Pasquale abile a sfruttare una indecisione di Benussi che non trattiene una conclusione ravvicinata dello stesso difensore bianconero. Brutta sconfitta per i salentini anche se da Bergamo arrivano notizie ancora più brutte con il Chievo che vince. La serie B è a un passo.

Risultati della 26ª giornata del campionato di calcio di serie A

A Bergamo: Atalanta-Chievo 0-2
a Cagliari: Cagliari-Torino 0-0
a Palermo: Palermo-Catania 0-4
a Reggio Calabria: Reggina-Fiorentina 1-1
a Torino: Juventus-Napoli 1-0 (giocata ieri)
a Roma: Lazio-Bologna 2-0 (giocata ieri)
a Genova: Sampdoria-Milan 2-1
a Siena: Siena-Genoa 0-0
a Udine: Udinese-Lecce 2-0
Inter-Roma alle 20,30.

La classifica (legenda: squadre, punti, partite giocate, vinte, pareggiate, perse, gol fatti, gol subiti)

Inter (-) 59 25 18 5 2 44 18
Juventus 53 26 16 5 5 42 21
Milan 48 26 14 6 6 43 27
Fiorentina 46 26 14 4 8 38 25
Genoa 45 26 12 9 5 36 25
Roma (-) 43 25 13 4 8 37 31
Cagliari 38 26 11 5 10 32 27
Lazio 38 26 11 5 10 37 37
Atalanta 36 26 11 3 12 31 28
Palermo 36 26 11 3 12 32 35
Napoli 35 26 10 5 11 32 30
Udinese 34 26 9 7 10 36 37
Catania 33 26 9 6 11 28 30
Sampdoria 32 26 8 8 10 26 30
Siena 28 26 7 7 12 19 26
Torino 24 26 5 9 12 25 39
Bologna 23 26 5 8 13 27 42
Chievo 23 26 5 8 13 20 35
Lecce 22 26 4 10 12 22 41
Reggina 18 26 3 9 14 21 44
(-): una gara in meno

La classifica cannonieri

16 RETI: Di Vaio (4 rig) (Bologna).
15 RETI: Gilardino (Fiorentina); Milito (5 rig) (Genoa).
14 RETI: Ibrahimovic (Inter).
12 RETI: Amauri (Juventus); Pato (Milan); Di Natale (3 rig) (Udinese).
11 RETI: Mutu (2 rig) (Fiorentina); Kakà (4 rig) (Milan).
10 RETI: Floccari (Atalanta); Zarate (2 rig) (Lazio).
9 RETI: Acquafresca (2 rig) (Cagliari); Hamsik (2 rig) (Napoli); Corradi (5 rig) (Reggina).
8 RETI: Jeda (Cagliari); Mascara (2 rig) (Catania); Pandev (Lazio); Cavani, Miccoli (2 rig) (Palermo); Vucinic (Roma); Quagliarella (Udinese).
7 RETI: Doni (Atalanta); Sculli (Genoa); Del Piero (2 rig) (Juventus); Ronaldinho (2 rig) (Milan); Denis (Napoli); Cassano (1 rig) (Sampdoria).
6 RETI: Rocchi (Lazio); Castillo (Lecce); Lavezzi (Napoli); Simplicio (Palermo); Julio Baptista, Totti (1 rig) (Roma); Pazzini (1 Fiorentina) (Sampdoria).
5 RETI: Paolucci (Catania); Stankovic (Inter); Tiribocchi (Lecce); Bellucci (1 rig), Delvecchio (Sampdoria).
4 RETI: Conti (Cagliari); Morimoto (Catania); Marcolini (2 rig), Pellissier (1 rig) (Chievo); Montolivo (Fiorentina); Maicon (Inter); Iaquinta (1 rig), Nedved (Juventus); Seedorf (Milan); Bresciano (Palermo); Cozza (Reggina); Maccarone (1 rig) (Siena); Amoruso (2 rig), Bianchi (1 rig) (Torino); D’Agostino (2 rig) (Udinese).
3 RETI: Ferreira Pinto (Atalanta); Volpi (Bologna); Fini, Matri (Cagliari); Italiano (Chievo); Kuzmanovic (Fiorentina); Jankovic, Motta (Genoa); Adriano (1 rig) (Inter); Foggia (Lazio); Ambrosini (Milan); Maggio (Napoli); Brienza (1 rig) (Reggina); Frick, Ghezzal, Kharja (Siena); Rosina (3 rig) (Torino); Floro Flores, Pepe, Sanchez (Udinese).
2 RETI: Guarente, Valdes, Vieri (Atalanta); Valiani (Bologna); Biondini (Cagliari); Ledesma (1 rig), Martinez, Plasmati (Catania); Langella, Mantovani (Chievo); Felipe Melo (Fiorentina); Biava, Palladino, Papastathopoulos (Genoa); Cordoba, Cruz, Muntari (Inter); Chiellini, Marchisio, Sissoko (Juventus); Ledesma, Siviglia (Lazio); Cacia, Caserta, Giacomazzi, Munari (Lecce); Beckham, Inzaghi (Milan); Zalayeta (Napoli); Aquilani, Juan, Panucci, Perrotta, Pizarro (Roma); Stankevicius (Sampdoria); Calaiò, Vergassola (Siena); Dellafiore, Saumel, Stellone (Torino).
1 RETE: Capelli, Cigarini, Garics, Manfredini, Padoin (Atalanta); Adailton, Bernacci (1 rig), Britos, Mingazzini, Moras (Bologna); Bianco, Larrivey, Lopez (Cagliari); Baiocco, Capuano, Potenza, Sabato (Catania); Bentivoglio, Colucci, Morero, Rigoni (Chievo); Bonazzoli, Santana (Fiorentina); Criscito, Olivera (Genoa); Balotelli, Burdisso, Cambiasso, Figo, Maxwell, Obinna, Vieira, Samuel (Inter); Camoranesi, Giovinco, Grygera, Legrottaglie, Marchionni, Mellberg, Poulsen, Trezeguet (Juventus); Dabo, Diakitè, Kolarov, Mauri (Lazio); Esposito, Vives (Lecce); Borriello, Inzaghi, Zambrotta (Milan); Mannini, Pazienza, Vitale (Napoli); Bovo, Cassani, Kjaer, Mchedlidze, Migliaccio, Succi (Palermo); Barreto, Costa, Di Gennaro, Sestu (Reggina); Brighi, Cicinho, De Rossi, Menez, Mexes, Taddei (Roma); Franceschini, Padalino (Sampdoria); Ficagna, Galloppa (1 rig) (Siena); Abate, Abbruscato, Barone, Colombo, Natali, Ventola, P.Zanetti (Torino); Domizzi, Inler, Pasquale (Udinese).
1 AUTORETE: Terlizzi (Catania pro Inter); Mascara (Catania pro Inter); Cicinho (Roma, pro Bologna); Di Loreto (Torino pro Reggina); Pisano (Torino pro Inter); Domizzi (Udinese pro Lecce); Siviglia (Lazio pro Napoli); Mantovani (Chievo pro Lazio); Denis (Napoli pro Milan); Papastathopoulos (Genoa pro Juve); Felipe (Udinese pro Chievo); Diakitè (Lazio pro Inter).

Il prossimo turno (27ª giornata, domenica 8 marzo alle 15)

Bologna-Sampdoria
Catania-Siena
Chievo-Cagliari
Fiorentina-Palermo
Genoa-Inter (sabato 7, ore 18)
Lecce-Reggina
Milan-Atalanta
Napoli-Lazio
Roma-Udinese (sabato 7, ore 16)
Torino-Juventus (sabato 7, ore 20:30).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725