Domenica 14 Agosto 2022 | 12:20

In Puglia e Basilicata

Epifani a Brindisi: «Ripartire dal Sud»

Epifani a Brindisi: «Ripartire dal Sud»
«Il Mezzogiorno – ha detto il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani – è più colpito dalla crisi economica, perchè a differenza del Nord se un’azienda chiude qui difficilmente riaprirà»
• Sul nuovo ddl sulle modalità di sciopero: ci sono cose che non vanno
• Vendola: ddl una pericolosa forzatura alla Costituzione

27 Febbraio 2009

BRINDISI - «Il Sud è più colpito dalla crisi economica perchè a differenza del nord, se un’azienda chiude, qui difficilmente riaprirà. E quindi ci vuole, su tutte le questioni aperte, da parte del Governo, la possibilità di avere una idea di politica industriale che parli, a partire dalle condizioni del Mezzogiorno, per trovare la soluzione del problemi». Lo ha affermato il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani che stamani ha concluso l’iniziativa nazionale della confederazione sindacale dedicata ad una nuova politica industriale nel Mezzogiorno. «Penso all’auto, i cui problemi, per le fabbriche del Mezzogiorno, non sono risolti dalla rottamazione – ha rilevato ancora Epifani – oggi a Pomigliano d’Arco c'è una straordinaria manifestazione in difesa di quella fabbrica. Penso ai problemi di un grande stabilimento, il più grande d’Italia, l’Ilva di Taranto; penso a quello che avviene in tante filiere del tessile, soprattutto in Puglia. Su tutte queste vicende bisogna che il Governo, aprendo il tavolo di confronto con i sindacati e con le imprese, parta dai problemi della condizione del Mezzogiorno»."La stessa cosa vale per il credito – ha detto ancora Epifani – abbiamo visto la questione dei Tremonti bond, per poter riaprire i rubinetti del credito, io dico: a partire dal Mezzogiorno. Avrei voluto che nell’accordo tra Ministero e sistema delle banche questo tema del credito, nel Mezzogiorno ed in particolare alle famiglie ed alle imprese, fosse state preso in considerazione». «In più la crisi – ha detto ancora Epifani – corre il rischio di allargarsi. Oggi si riunisce il Cipe per decidere per quanto riguarda le opere pubbliche. Una dorsale fondamentale di collegamento ferroviario, la Napoli-Bari, probabilmente non sarà dentro queste scelte: e questa invece è una grande priorità per collegare due grandi città del Mezzogiorno».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725