Lunedì 08 Agosto 2022 | 12:38

In Puglia e Basilicata

Istat: l'Italia invecchia e la Basilicata è ultima per crescita demografica

Istat: l'Italia invecchia e la Basilicata è ultima per crescita demografica
Le regioni del Mezzogiorno, sottolinea l’Istat, «conservano ancora il vantaggio di una popolazione meno invecchiata rispetto al resto del Paese, con in testa la Campania, unica regione peraltro rimasta con un’età media inferiore ai 40 anni e un rapporto anziani su giovani inferiore all’unità». Sul versante opposto si conferma la Liguria

26 Febbraio 2009

ROMA – «L'eccezionale longevità degli italiani» è la causa dell’invecchiamento della popolazione: lo rileva l’Istat, secondo cui al primo gennaio 2009 «gli individui con 65 anni e oltre rappresentano il 20,1% della popolazione (erano il 17,8% nel 1999), mentre i minorenni sono soltanto il 17% (17,6% nel 1999)». I giovani fino a 14 anni sono il 14% (14,4% nel 1999), la popolazione in età attiva, 15-64 anni, è pari a meno dei due terzi del totale (67,8% nel 1999). I residenti hanno in media 43,1 anni, circa due in più rispetto a dieci anni prima. 
Le regioni del Mezzogiorno, sottolinea l’Istat, «conservano ancora il vantaggio di una popolazione meno invecchiata rispetto al resto del Paese, con in testa la Campania, unica regione peraltro rimasta con un’età media inferiore ai 40 anni e un rapporto anziani su giovani inferiore all’unità». Sul versante opposto si conferma la Liguria, nella quale risiede il maggior numero di anziani ultra-sessantaquattrenni in rapporto al totale (26,8%) e dove il rapporto anziani su giovani è superiore a due. 

BASILICATA ULTIMA REGIONE PER CRESCITA DEMOGRAFICA 
La crescita demografica del Mezzogiorno è inferiore a quella nazionale e, in questo contesto, la Basilicata è la regione con il dato peggiore: in 12 mesi, infatti, la diminuzione è dell’1,5 per mille ed è alto anche il numero di persone (quattro per mille, preceduta solo dalla Campania con il 4,3) che hanno lasciato il territorio lucano per spostarsi in altre zone del Paese. I dati sono stati resi noti dall’Istat nel rapporto sugli indicatori nazionali demografici del 2008. In Basilicata, inoltre, il saldo naturale (la differenza tra nascite e decessi) nel 2008 è stato negativo (- 1,3 per mille). 

PUGLIA: ETA' MEDIA 41,5 ANNI 
E' di 41 anni e mezzo l'età media dei pugliesi, inferiore a quella nazionale (43,1). Sono i dati del censimento compiuto dall’Istat e diffusi oggi. La fascia di età compresa tra i 15 e i 64 anni costituisce il 66,9% della popolazione (contro il 67,8 nazionale); seguono i pugliesi over 65 che sono il 18% (20,1) e quelli con meno di 15 anni (15,1% rispetto al 14% dell’intero Paese). La cosiddetta 'stima della speranza di vita' in Puglia per le donne è di 84,1 anni (identica alla percentuale nazionale), per i maschi è di 79 anni (contro i 78,8 della media italiana). Per quanto riguarda, infine, l’indicatore di fecondità, il contributo delle pugliesi, con l’1,31%, è in linea con il dato italiano (1,33).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725