Domenica 14 Agosto 2022 | 12:14

In Puglia e Basilicata

Molfetta, parcheggi per gestanti e neomamme, ma non sono previste multe per i trasgressori

26 Febbraio 2009

parcheggi rosadi LUCREZIA D’AMBROSIO

MOLFETTA - Sono arrivati i parcheggi rosa, riservati alle gestanti e alle neo mamme. La loro istituzione era stata preannunciata, a ottobre dello scorso ann o. «Per poter usufruire dei parcheggi rosa - precisano dal Comune - bisognerà dotarsi di u n’autorizzazione amministrativa rilasciata dal comando della Polizia Municipale. Le donne interessate dovranno compilare la domanda su un modulo, allegare la fotocopia del libretto di circolazione e la dichiarazione di responsabilità attestante la composizione del nucleo familiare. Sarà necessario allegare anche u n’autocertificazione che comprovi lo stato di gravidanza o la nascita del proprio figlio. La validità dell’autorizzazione sarà annuale e scadrà comunque al raggiungimento di un anno di età del nascituro». 

Si tratta di un’operazione che, a detta di alcuni, è incomprensibile e che, per giunta, rischia di ingolfare gli uffici del comando di polizia municipale. Le strisce rosa, quelle che indicano le aree riservate alle donne, non sono contemplate dal codice della strada, anche se sono state già adottate in molti comuni del nord, del centro e del meridione. Il rispetto delle zone rosa di conseguenza viene demandato alla sensibilità dei cittadini, ma quando mancano i parcheggi non c'è sensibilità che tenga. E soprattutto gli automobilisti irrispettosi non potranno essere sanz ionati. In ogni caso, le persone vorranno dotarsi di contrassegno identificativo per parcheggiare sulle strisce rosa con l’autorizzazione del Comune, potranno rivolgersi all’ufficio di segreteria del comando di Polizia Municipale i mercoledì e i venerdì (dalle ore 16 alle ore 19) e i martedì e i giovedì (dalle ore 10 alle ore 12). 

«L'iniziativa dell’amministrazione comunale - precisa l’assessore alla Sicurezza Mimmo Corrieri - è tesa a favorire l’accesso alle strutture pubbliche da parte delle donne in maternità e di quelle che trasportano figli, di età inferiore a un anno, con passeggini o carrozzine. La ricerca di un parcheggio e le relative manovre possono essere fonte di stress e disagi per le gestanti e per le mamme. Il provvedimento, quindi, è un modo per garantire loro qualche premura in più». Insomma, le buone intenzioni degli amministratori ci sono tutte, ora bisognerà misurare il fair play degli automobilisti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725