Venerdì 19 Agosto 2022 | 10:57

In Puglia e Basilicata

Vendola: "La Puglia off limits a nucleare"

Vendola: "La Puglia off limits a nucleare"
Si tratta, secondo il governatore Nichi Vendola, di una scelta sbagliata sotto il profilo economico perchè «onerosissima e a una reddittività molto differita nel tempo»
Vendola: quel bond Aqp fu una sciatteria
«Niente fondi alla Puglia, il governo ci boicotta»

25 Febbraio 2009

BARI - «La Puglia si presenta come territorio off limits per qualunque ipotesi di centrale nucleare». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a proposito dell'accordo Italia-Francia raggiunto sull'argomento. «Siamo di fronte ad un accordo che io giudico sciagurato. Perchè non considera minimamente la realtà. Intanto quella geo-morfologica del territorio italiano, di una striscia allungata e densamente popolata, un Paese la cui antropizzazione è così capillare che è difficile immaginare il ritorno a cicli industriali affetti da gigantismo e con problemi di gestione dell'emergenza praticamente insolubili. Lo dico perchè ricordo cosa fu la gestione dell'emergenza a Caorso piuttosto che a Trino Vercellese, piuttosto che a Montalto di Castro». 
Si tratta, secondo Vendola, di una scelta sbagliata sotto il profilo economico perchè «onerosissima e a una reddittività molto differita nel tempo». «Perchè - ha spiegato - sposta l'attenzione dal tema centrale che dovrebbe essere quello del risparmio energetico, o meglio quello della efficienza energetica, in una realtà come l'Italia dove non esiste nessuna consapevolezza nè culturale nè istituzionale sulla necessità di mirare questo obiettivo strategico dell'efficienza energetica». «Perchè - ha proseguito il presidente della Regione Puglia - l'opzione del nucleare rende marginali le energie rinnovabili: il ricorso alle energie rinnovabili diventa semplicemente l'allargamento di un mercato di affari piuttosto che un'opzione strategica in direzione della libertà dalla dipendenza di petrolio». `'Insomma, ci vogliono presentare un nucleare futuribile, che - ha detto Vendola - a parole ha la garanzia di una sicurezza che non esiste in nessuna parte del mondo, che non esiste nella letteratura scientifica perchè il tema dello smaltimento delle scorie radioattive è un tema che non solo non ha ancora soluzione, ma è un problema che propone ancora drammaticamente questioni ancora aperte in Italia come lo smaltimento delle scorie prodotte dalle centrali che avrebbero dovuto essere chiuse e il cui ciclo di chiusura continua ad essere, a Montalto, a Trino e a Caorso, un costo economico enorme per il nostro Paese«. `'Dunque, scelta completamente sbagliata. La combatteremo - annuncia Vendola - sul piano politico, sul piano culturale, sul piano democratico, ricordando che è stato il popolo italiano a bocciare l'opzione nucleare». `'Ma la Puglia - ha concluso - sarà sicuramente un confine non superabile da parte di chi immagina questa specie di futuro in forma di trapassato remoto qual è il nucleare«.(ANSA). AME/CIO 25-FEB-09 18:22 NNN
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725